Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Coggiola ricorda la tragedia di Federico Chiarelli: questa sera messa
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Coggiola ricorda la tragedia di Federico Chiarelli: questa sera messa

Il ragazzo perse la vita cinque anni fa: aveva solo 19 anni.

coggiola ricorda

Coggiola ricorda Federico cinque anni dopo la tragedia che gli costò la vita.

Coggiola ricorda Federico

A distanza di cinque anni dalla sua morte, il ricordo di Federico Chiarelli è più vivo che mai. Il giovane di 19 anni domenica 12 ottobre 2014 venne travolto da un’auto in via Garibaldi a Coggiola. Quella tragedia scosse il paese. Stasera, sabato 12 ottobre, alle 20, sarà celebrata la messa in memoria del ragazzo nella chiesa parrocchiale di Coggiola, un invito rivolto ai tanti amici che “Fede” aveva. Di quella tragedia rimane il dolore dei genitori, il pensiero dei tanti amici e alcuni lumini e fiori posizionati davanti alla casa in cui abitava.

L’anniversario

Sognava di completare gli studi dell’istituto alberghiero di Trivero e trovarsi un lavoro con il fratello, magari mettere su un’attività in proprio. Invece tutto è finito in un tragico sabato notte quando venne travolto prima di rientrare a casa. Ancora una volta è stata mamma Donatella ad avvisare gli amici di Federico con un post su Facebook ricordando la messa per l’anniversario della morte del suo ragazzo. In passato erano state organizzate anche fiaccolate, subito dopo la tragedia vi parteciparono centinaia di amici e conoscenti così come tanti amici riempirono la chiesa di Coggiola in occasione del suo funerale.

La musica

Di Federico Chiarelli rimane anche una canzone. L’amico rapper Ale Anguz gli aveva dedicato anche una canzone che spopola su YouTube. Nel testo ricorda anche quella tragica notte. «Ti han strappato così da questo mondo, una sera maledetta, ci hai lasciati in un secondo, e affondo nel tuo ricordo, non scordo le risate assieme, i discorsi spesso in disaccordo, ma eri un amico vero, leale, speciale, il tuo sorriso in viso era normale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente