Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Genitori Valle Mosso: ecco perché la scuola deve restare in paese
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Genitori Valle Mosso: ecco perché la scuola deve restare in paese

L’edificio scolastico è un gioiello architettonico con un’eccellenza didattica ed educativa. Propone infatti progetti innovativi come quelli di drammatizzazione, teatro e musicali, mindfulness e coding.

Comitato civico

Genitori Valle Mosso: «Non possiamo smantellare un’eccellenza di tutto il territorio».

Genitori Valle Mosso chiedono di essere ascoltati

«Non vogliamo che venga cancellata un’eccellenza del territorio, una risorsa per tutto il paese e i dintorni». È per questo, in estrema sintesi, che tanti cittadini e genitori di Valle Mosso hanno deciso di scendere in piazza per fermare il piano-scuole annunciato dal Comune.

Un’eccellenza per Valdilana e tutta la valle di Mosso

Spiegano i portavoce del gruppo: «L’edificio scolastico delle scuole dell’obbligo di Valle Mosso è un’eccellenza per tutta Valdilana. Riqualificato da pochissimi anni, è un gioiello architettonico, riprogettato a misura di bambini e ragazzi. Inoltre la struttura è inserita in un polo con a fianco scuola materna, asilo nido e spazi dell’oratorio parrocchiale, mensa interna e grande parcheggio».

Didattica innovativa

Un istituto, aggiungono i genitori, «che con il suo corpo di insegnanti offre un’eccellenza didattica ed educativa di prim’ordine. Proposti infatti progetti innovativi come quelli di drammatizzazione, teatro e musicali, mindfulness e coding. Il più recente è l’outdoor education che si sta attuando al rinato Parco Reda, sull’idea della didattica all’aperto».

Riprogettare una nuova proposta

«Solo una cosa chiediamo agli amministratori: di incontrarci e riprogettare una nuova proposta, così da non distruggere per sempre questa grande ricchezza della comunità. Le soluzioni possono essere trovate. E ben vengano anche i ragazzi del liceo. E, perché no, anche organizzare corsi per la formazione professionale in grado di allargare l’offerta formativa per i giovani».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *