Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ghemme parchi vietati alle passeggiate con il cane
Attualità Novarese -

Ghemme parchi vietati alle passeggiate con il cane

Approvato nei giorni scorsi il nuovo regolamento comunale.

Ghemme parchi e giardino Gianoli off-limits a chi deve portare a spasso i cani.

Ghemme parchi vietati alle passeggiate con il cane

Sacchetti e bottigliette d’acqua obbligatorie e parchi off-limits per chi porta a spasso i cani. Ghemme mette per iscritto le regole contro chi sporca il paese, e non solo. Da ora sarà vietato portare gli animali al Giardino Gianoli, ai parchi giochi intitolati a Gianfranco Agabio (scuole) e a Norma Cossetto, oltre che nelle aiuole pubbliche.

Nuovo regolamento comunale

Durante il consiglio comunale di settembre è stato approvato il nuovo regolamento di polizia urbana, aggiornando quello già esistente nel 2004. «Abbiamo accorpato tre normative separate – spiega la comandante della polizia locale Anna Assi – ossia il vecchio regolamento di polizia urbana, quello sulla qualità della vita e quello sugli animali che raggruppava le note del 1992».

Nuovi obblighi per i padroni

Per ciò che riguarda gli animali, in particolare, le nuove norme stabiliscono innanzitutto la necessità per i proprietari di cani di portarsi dei sacchetti per il contenimento delle deiezioni canine. Diventa inoltre obbligatorio portarsi dietro la bottiglietta dell’acqua per sciacquare le deiezioni liquide degli animali, pena sanzioni amministrative, e pulire gli escrementi solidi.

Museruola per le taglie grandi

È vietato, inoltre, condurre cani o altri animali al guinzaglio dalla bicicletta o da qualsiasi altro veicolo e il trasporto di animali domestici sulle autovetture deve avvenire in modo da non creare intralcio al conducente.  Per i cani impegnativi o di grossa taglia vi è l’obbligo per i proprietari di portare con sé la museruola.
LEGGI ANCHE: A Ghemme sacchetti per cani con istruzioni… in tedesco

Pubblicato sul sito del Comune

I detentori di cani sono obbligati anche a registrarli per l’identificazione all’Asl competente entro il secondo mese di vita. Altre regole saranno consultabili sul sito del comune, una volta pubblicato il regolamento.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *