Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > In poche ore morte due centenarie: Valsessera in lutto
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

In poche ore morte due centenarie: Valsessera in lutto

Adriana Guidetti e Caterina Villanova si sono spente a breve distanza l'una dall'altra.

in poche ore

In poche ore la Valsessera ha dovuto dire addio a due centenarie: Adriana Guidetti e Caterina Villanova si sono spente a breve distanza l’una dall’altra.

In poche ore addio a due centenarie

La Valsessera ha dovuto dire addio in breve tempo a due delle sue decane. Adriana e Bianca si sono spente a poche ore l’una dall’altra, dopo aver attraversato più di un secolo di vita. Erano due fra le persone persone più anziane della Valsessera, entrambe con una vita trascorsa tra Coggiola e Portula.
Adriana Guidetti si è spenta circondata dai suoi familiari, nel pomeriggio di martedì. La donna, che nonostante gli anni ha goduto di una discreta salute fino a pochissimo fa, era molto conosciuta soprattutto a Coggiola, dove ha vissuto gran parte della sua esistenza, e in frazione Rossato a Portula dove dal 2007 risiedeva con la figlia Colombina e i suoi familiari.
Benvoluta da tutti, per il suo secolo di vita (avvenuto il 5 agosto) era stata organizzata una festa alla quale erano intervenuti i sindaci dei due paesi: Fabrizio Calcia Ros e Gianluca Foglia Barbisin e alcuni rappresentanti delle associazioni coggiolesi.

Una vita semplice

Adriana ha vissuto una vita semplice, fatta di piccole cose, e circondata dall’amore dei suoi cari. Originaria di Gargallo in provincia di Novara ha quasi sempre abitato in Valsessera tranne qualche anno trascorso in Svezia dove si era trasferita per motivi di lavoro, era rientrata in Italia nel 1968. Sposata con Mario Romano ha vissuto a Cà Tass, dove ora c’è l’agriturismo e a Coggiola. Dalla loro unione sono nati Colombina, Umberto e Giancarlo e i tanti nipoti e pronipoti che le sono sempre stati vicini e che ha accudito quando erano piccoli. Oltre alla famiglia nonna Adriana si è dedicata al lavoro come tessitrice nel lanificio Fila di Coggiola.
Chi l’ha conosciuta e le ha voluto bene la ricorda per il suo sorriso e la sua cordialità. Il funerale sarà celebrato domani alle 10 nella chiesa parrocchiale di san Giorgio a Coggiola. Dopo la funzione religiosa Adriana sarà accompagnata al tempio crematorio.

Caterina

Poche ora dopo di lei, se n’è andata anche Caterina Villanova, un’altra centenaria di Portula. Anzi, nonna Caterina era già a quota 101, visto che era della classe 1919. La donna viveva in frazione Granero a Portula con il figlio Roberto che si è preso cura di lei e l’ha seguita sino alla fine. Ultima di quattro fratelli (gli altri tre erano Angelina, Domenico e Maria) l’anziana donna è arrivata in Valsessera negli anni Trenta con la famiglia da Lusiana nel Veneto per cercare lavoro. Una delle tantissime famiglie che tra le due guerre mondiali arrivarono in Piemonte attirate dalla prospettiva di un lavoro e un po’ di benessere. Buona parte della sua vita lavorativa l’ha trascorsa nei reparti della ditta Bozzalla e Lesna di Coggiola come operaia (la classica “attaccafili”, figura ormai scomparsa ma molto richiesta nei tempi del decollo del tessile in zona) e ha raggiunto la pensione nella stessa fabbrica. Si era sposata con Sebastiano Dal Sasso e dalla loro unione erano nati due figli Roberto e Maria Luisa. Era rimasta vedova da diversi anni e ad occuparsi di lei era il figlio. La donna era la zia dell’ex deputato Wilmer Ronzani.

I nuovi centenari

Riguardo le donne che sono andate oltre il secolo di vita, va ricordato che il 2020 è stato un anno pressoché irripetibile per il paese di Coggiola: nel giro di pochi mesi sono state ben cinque le persone che hanno superato il traguardo del secolo di vita, anche se va detto che una di queste era poi morta nel mese di settembre. In pratica queste donne avevano festeggiato complessivamente 500 anni. Un numero che è un evento straordinario, soprattutto per un comune come Coggiola, che alla fine del 2019 contava poco più di 1700 abitanti. Tra l’altro, tutti i compleanni sono caduti tra giugno e dicembre, quindi nel giro di sei mesi.
Una di queste cinque centenarie era appunto Adriana Guidetti, l’unica che ha potuto ricevere gli auguri da parte delle amministrazioni comunali perché al momento del compleanno le restrizioni erano meno rigide. Le altre erano Irene Bionda, Danielina (Lina) Topini e Ivonne Erbetta. Aveva raggiunto l’età di 100 anche Giovanna Costa che però purtroppo è poi scomparsa, come accennato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *