Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Nuovo decreto: zona gialla rafforzata in settimana e arancione nei weekend
Attualità Fuori zona -

Nuovo decreto: zona gialla rafforzata in settimana e arancione nei weekend

Il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto ponte, che resterà in vigore fino al 15 gennaio (data di scadenza dell'ultimo decreto).

Spostamenti fra comuni

Nuovo decreto: tutte le novità dal 7 al 15 gennaio.

Nuovo decreto ponte: sarà in vigore fino al 15 gennaio

Ieri sera, lunedì 4 gennaio, il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto ponte, che resterà in vigore fino al 15 gennaio (data di scadenza dell’ultimo decreto legge). Le nuove misure decreteranno, dal 7 gennaio, il passaggio in zona gialla per tutta Italia.

LEGGI ANCHE: Scuola Piemonte: le superiori ripartiranno solo il 18

Cosa significa zona gialla rafforzata?

Entrare in zona gialla significa, come già sappiamo, che bar e ristoranti potranno aprire durante il giorno e che sarà possibile spostarsi all’interno della propria Regione senza bisogno di autocertificazione. Rimangono però vietati gli spostamenti tra regioni (e quindi non ci si potrà spostare tra regioni “gialle”).

Zona arancione nei weekend

Nel fine settimana, però, 9 e 10 gennaio, si torna in zona arancione: bar e ristoranti chiusi, altri negozi aperti, circolazione libera all’interno del Comune durante il giorno, mentre per muoversi nella regione occorrono validi motivi e relativa autocertificazione. Da lunedì 11, salvo cambi di colore, si dovrebbe tornare in zona gialla.

LEGGI ANCHE: Lozzolo aprono bar in piena “zona rossa”: la sfida di Sara e Marcello

Deroga per i Comuni con meno di 5mila abitanti

Nel fine settimana arancione, saranno ancora permessi «gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5mila abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia».

Deroga per una visita al giorno ad amici o parenti

Il decreto varato ieri conferma che anche in zona rossa sarà possibile «spostarsi, una sola volta al giorno, in un massimo di due persone, verso una sola abitazione privata della propria regione. Alla persona o alle due persone che si spostano potranno accompagnarsi i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con queste persone convivono».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

10 Commenti

  • Claudio ha detto:

    ALLORA SE HO CAPITO BENE:
    POSSIAMO ANDARE AD ACCOMPAGNARE I NOSTRI FIGLI A SCUOLA (scuole aperte), CON I CAPELLI FATTI ( barbieri e parrucchieri aperti)E LA BUSTA DELLA SPESA IN MANO (negozi di alimentari aperti), CON UNA SIGARETTA ( tabaccai aperti) E IL CELLUARE NUOVO ( negozi di elettronica aperti), IL PROFUMO E SHAMPOO (negozi per la cura della persona aperti) LE MEDICINE ( farmacie aperte), IN MACCHINA CON LA BENZINA APPENA MESSA( benzinai aperti), PRIMA DI ANDARE A LAVORO ( comprovata motivazione per uscire di casa) POSSIAMO ANDARE A CORRERE UN POCO SOTTO IL PALAZZO PER STARE ALLENATI( tuta e scarpette comprate da Decathlon aperto) QUANDO TORNO LA SERA COMPRO UN BEL MAZZO DI FIORI A MIA MOGLIE ( fiorai aperti), DEI GIOCATTOLI PER I MIEI FIGLI ( negozi di giocattoli aperti), RITIRO I VESTITI IN LAVANDERIA ( aperta), SE MI RIMANE DEL TEMPO MI FERMO IN FERRAMENTA (aperta) per fare qualche lavoretto a casa, E FINALMENTE MI LEGGO UN GIORNALE LA SERA ( edicole aperte) CON I MIEI NUOVI OCCHIALI ( negozio di ottica aperto) TUTTO QUESTO CON TANTE BELLE AUTOCERTIFICAZIONI STAMPATE CON IL TONER E LA CARTA COMPRATA IN CARTOLERIA ( aperta )”
    PERÒ NON ANDATE AL BAR,al ristorante,in palestra, in pizzeria, al cinema, a teatro……C’È IL VIRUS

    • Giuliana ha detto:

      Condivido in pieno il tuo dire

    • Lucio ha detto:

      Claudio meriti un plauso, sono situazioni sotto gli occhi di tutti (anche di quelli a cui fa comodo tenerli chiusi).
      Vedremo mai la luce in fondo al tunnel, o meglio, quando mai decideranno di farcela vedere (la luce)?

      • Elena ha detto:

        Io invece faccio un plauso a John, ha ragione da vendere, purtroppo …….posso capireTUTTO: la stanchezza, l’essere stufi, la maledetta mascherina, la situazione economica italiana (e mondiale) che sta andando a carte quarantotto…..ma accidenti, possibile che non si riesca a capire DAVVERO come funziona la catena dei contagi?! Eppure basta solo fermarsi un attimo, liberare la mente dai preconcetti e dalla lista di cose che ho elencato PRIMA, essere onesti e obiettivi con se stessi e non si potrà che essere d’accordo con lui!

        • Lucio ha detto:

          Semplicemente: perchè alla prima ondata senza mascherine ed accortezze negli incontri c’erano meno contagi, mentre alla seconda con mascherine a profusione (e sguardi in cagnesco quando ci si incontra) la situazione è ben peggiorata rispetto alla prima?

        • Laki ha detto:

          I contagi nella tua testa signora Elena…..
          È ora di finirla di credere a questa pagliacciata mondiale che ci stanno facendo credere per arrivare a scopi politici voluti.
          Aprite gli occhi la pandemia è pilotata e voluta dà chi purtroppo comanda il Mondo.

          • perurock ha detto:

            Laki ci sei mancato , la tua totale ignoranza è sempre più palpabile! fai cosi segnala ad ASL tuo nome e cognome cosi se ti ammali evitiamo di spendere soldi per te e per tutti quelli che la pensano come te!!! dire ancora che non esiste è allucinante , spero solo che tu non possa riprodurti! saluti e baci che la tua vita ( triste continui cosi)

  • John ha detto:

    Proverò a spiegartelo con parole semplici, magari capisci. Prova (se riesci) a calcolare quanto tempo passi nelle attività che hai menzionato con la tua tastiera rotta (è evidente che sia rotta perchè continui a scrivere un po’ in maiuscolo e un po’ in minuscolo) per acquistare i prodotti che ivi vengono venduti (entri, acquisti e te ne vai) e paragonalo con il tempo e la quantità di persone con le quali entri in contatto e con le quali resti in contatto per ore e con le quali respiri la stesa aria per ore: bar, ristoranti, palestre, pizzerie, cinema e teatri.
    Provaci, non è difficile capire dove sia il problema, anche tu puoi farcela.

    • Claudio ha detto:

      Guarda che: “avevo già compreso tutto”, prima che tu “me lo spiegassi”! Peccato però, che…”non è proprio così”!
      Prova a parlarne con chi ha a che fare, con queste attività…magari loro…SANNO SPIEGARTI MEGLIO! (Vedi, uso il maiuscolo, solo perchè “altrimenti” non comprenderesti…)
      Stàmme ‘n “pìotta”!

  • fabrizio ha detto:

    Buonasera mi auguro che abbiano il buon senso di non aprire la stagione sciistica altrimenti ci ritroveremo ancora peggio di come siamo ora.Comunque in questo periodo di restrizioni moltissime persone si sono recati alleggramente in alta valsesia a fare ciaspolate,pellate ect ect x fare i soliti sboroni menefreghisti dei divieti dimostrandosi dei veri esempi di serietà.D’altronde controlli pari a zero e il contagio corre….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *