Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Nuovo record firmato da Luca Colli in Oceania
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Nuovo record firmato da Luca Colli in Oceania

L’alpinista di casa ad Alagna ha conquistato la vetta del Monte Aoraki 

L’alpinista Luca Colli non smette mai di sorprendere: questa volta ha raggiunto la vetta del Monte Aoraki in Nuova Zelanda. Dieci ore di salita per entrare nella storia come l’unico alpinista ad aver scalato tutte le vette più alte dell’Oceania secondo tutte le interpretazioni geografiche. Grazie ai tre record stabiliti ora Luca Colli è il più veloce di tutti i tempi. E’ una impresa che ha un sapore molto valsesiano: Luca Colli è di casa ad Alagna ed è stato accompagnato nella sua avventura dall’amico Andrea Degasparis del corpo guide alpine di Alagna. Il 22 novembre ha raggiunto la prima vetta della spedizione indonesiana, il Pukac Jaya, a 4884 metri, in Papua Indonesia. E’ stato stabilito il record di velocità di una salita guidata.

Luca Colli ha testimoniato tutta la sua avventura con immagini e video in diretta caricati anche sui social network. Una volta raggiunta la cima del Pukac Jaya si è lanciato in un vero grido liberatorio e c’è stato anche un attimo di emozione per la conquista. «Grazie a tutti coloro che mi hanno seguito, agli sponsor e ai miei amici che da casa mi hanno incitato – ha spiegato -. E’ una emozione davvero unica». L’avventura era partita il 5 novembre, passo dopo passo Luca Colli è riuscito a raggiungere il suo obiettivo. «Nonostante la nuova sfida, nonostante la fatica terribile, la pioggia, il fango, il pericolo – ha scritto in un post durante la salita – so già che una parte di me è rimasta là per sempre, sotto la tenda dei portatori, al calore del fuoco. Dove tutto è primordiale, vero, intimo».

Nei giorni scorsi è ritornato a casa: «L’avventura è finita, ma voglio ringraziare tutti quelli che mi sono stati vicino, i miei sponsor, ma anche il mio compagno di avventura Andrea Degasparis del corpo guide alpine di Alagna, una persona professionale e un grandissimo atleta. Senza di lui il monte Cook non l’avrei conquistato. Un grazie anche a Stefano Sartori che ci farà un grande lavoro». Prossimamente sarà pronto anche il video dell’impresa: «Abbiamo raccolto un po’ di immagini, anche se non ne abbiamo tantissime perchè eravamo impegnati a sopravvivere». E Colli rilancia: «Ci vediamo presto alla prossima avventura che sarà ancora una volta spettacolare».

Articolo precedente
Articolo precedente