Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ospedale Borgosesia: in arrivo nuovi posti in Terapia Intensiva
Attualità Borgosesia e dintorni -

Ospedale Borgosesia: in arrivo nuovi posti in Terapia Intensiva

Oltre all'aggiunta di otto posti nel reparto, verrà attivata una struttura complessa di Anestesia e Rianimazione.

ospedale borgosesia

Ospedale Borgosesia: la Regione Piemonte prepara posti letto aggiuntivi di Terapia Intensiva e una struttura complessa per Anestesia e Rianimazione.

Ospedale Borgosesia, le novità

Buone notizie per la sanità valsesiana e per quella vercellese: gli ospedali di Borgosesia e del capoluogo saranno potenziati. Ad annunciarlo è Alessandro Stecco, medico vercellese e presidente della commissione Sanità in consiglio regionale. In entrambi i nosocomi verranno aggiunti otto posti in Terapia Intensiva e al Santi Pietro e Paolo verrà attivata dall’Asl Vercelli una struttura complessa di Anestesia e Rianimazione.

Nell’emergenza

«Un grande passo in avanti nel riconoscere il lavoro fatto dai due ospedali e dal loro personale nella lotta al Covid-19 – afferma il consigliere – Per Borgosesia ad esempio ho sempre ritenuto necessario potenziare Anestesiologia per permettere a tale nosocomio di incrementare la propria attività anche chirurgica e complessa, e ridurre le liste di attesa: a seguito della nuova programmazione per contrastare una eventuale seconda ondata Covid-19 sarà portata a struttura complessa e con 8 letti di terapia intensiva e 2 di subintensiva».

Due ospedali

Importanti novità sono previste anche per l’ospedale Sant’Andrea di Vercelli. «La nuova struttura complessa di Anestesia e Rianimazione prevista a Borgosesia con 8 posti letto – prosegue Stecco – permetterà sia di aumentare le attività chirurgiche e complesse in tale ospedale e ridurre le liste di attesa delle stesse, che di “liberare” quelle del Sant’Andrea dalla bassa complessità, e contemporaneamente essere pronti come terapia intensiva a una seconda ondata epidemica».

Il piano territoriale

«In autunno – conclude Stecco – saremo pronti anche con un nuovo piano territoriale, le cui basi saranno completate entro luglio. Per questa trasformazione ci sono decine di esperti anche di livello internazionale che stanno lavorando alacremente in Assessorato in piena sinergia per portare il risultato migliore possibile. Capisco le comprensibili frustrazioni di chi opera quotidianamente nel settore, ma occorre arrivare a far funzionare meglio molte cose ad esempio il Distretto Socio Sanitario riformulandolo e modificare / migliorare numerosi altri meccanismi».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *