Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Parrocchia Varallo mette all’asta la collezione Anselmetti
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Parrocchia Varallo mette all’asta la collezione Anselmetti

Domani saranno venduti al maggiore offerente una sessantina di quadri di valore: il ricavato servirà per l'oratorio.

Parrocchia Varallo mette all’asta una sessantina di opere della collezione Anselmetti. Alcuni sono state realizzate da maestri del Novecento.

Parrocchia Varallo vende al maggiore offerente i quadri ereditati

Opere d’arte all’asta a favore dell’oratorio di Sottoriva. Per finanziare alcuni interventi di ristrutturazione necessari al centro giovanile, domani (sabato) andranno infatti all’incanto una sessantina di quadri, tra cui anche alcuni lavori di maestri dell’arte italiana del Novecento quali Michele Cascella, Giacomo Manzù e Paolo Manaresi e del varallese Lino Tosi, tra le figure di spicco della pittura valsesiana del secolo scorso. Opere provenienti dalla collezione privata “Umberto Anselmetti”, donata alla parrocchia di San Gaudenzio di Varallo.

L’asta in due tranches

La vendita benefica avrà luogo domani pomeriggio alle 16 al centro congressi di Palazzo D’Adda a Varallo, ma quel giorno solo una parte del lascito alla parrocchia sarà messo all’asta: la restante verrà utilizzata giovedì 22 durante l’incontro del Rotary Club. Sarà possibile visionare le opere, oggi conservate in casa Anselmetti, già il venerdì pomeriggio dalle 15 alle 18 e il giorno stesso dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16, sempre a Palazzo D’Adda. Sul sito della parrocchia (www.parrocchiavarallo.it), tutte le foto e le quotazioni di base d’asta.

Il ricavato per l’oratorio

L’incasso servirà per finanziare lavori all’oratorio: «Dobbiamo provvedere allo smaltimento dell’eternit del tetto e al ripristino delle tegole in materiale nuovo – spiega il parroco don Roberto Collarini -. La torre scenica del cinema presenta delle notevoli perdite d’acqua e i muri sono talmente fradici che si stanno spaccando, mentre al primo piano dello stabile sono da cambiare i serramenti. Inizieremo dal tetto, dato che è la parte più dannosa e rischiosa per la salute».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *