Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Parroco Gattinara torna a celebrare dopo la paura del Covid
Attualità Gattinara e Vercellese -

Parroco Gattinara torna a celebrare dopo la paura del Covid

«Il riposo forzato mi ha permesso di pensare meglio, con più calma, dedicare più tempo alla preghiera e alla riflessione».

Parroco Gattinara

Parroco Gattinara esce finalmente dall’isolamento: don Franco Givone è guarito dal Covid19.

Parroco Gattinara rientra in servizio

Il tampone è negativo: don Franco Givone è ufficialmente guarito dal Covid19. Il parroco di San Pietro dopo circa tre settimane può tornare in mezzo alla gente e seguire da vicino la vita parrocchiale e il cantiere per il rifacimento dei tetti della chiesa parrocchiale. Una lunga reclusione per don Franco Givone, che ne ha approfittato per fare telefonate in tutto il mondo, risentire qualche amico conosciuto nelle missioni in Africa e programmare le celebrazioni del Natale. «Certo che un po’ di riposo – dice don Franco -, seppur forzato, non guasta. Permette di pensare meglio, con più calma, dedicare più tempo alla preghiera e alla riflessione».

Un insegnamento

Anche dalle situazioni più brutte, però, si può trarre un insegnamento. «Questa mia assenza forzata ha insegnato qualcosa. Inizialmente la reazione della gente è stata: “Manca il parroco, e adesso come facciamo? Dobbiamo chiudere tutto”. Invece no. Le funzioni e le celebrazioni vanno avanti. Ognuno si è preso un incarico e tutto è andato avanti. Questi traumi ci fanno capire come ognuno può darsi da fare. A Gattinara ci sono due preti e, per ora, sono entrambi fuori combattimento. Da subito – aggiunge don Franco – c’è stata anche la collaborazione degli altri sacerdoti. Don Andrea (Matta, parroco di Lenta, ndr) quasi tutti i giorni deve venire a Gattinara a celebrare i funerali, mentre don Claude Tossou si è subito reso disponibile a venire a celebrare le messe domenicali».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente