Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Pronta a riaprire la Crevola-Doccio. Guarda le foto del sopralluogo
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Pronta a riaprire la Crevola-Doccio. Guarda le foto del sopralluogo

Lavori in tempi di record. La riapertura al traffico prevista per sabato 24 aprile.

Pronta a riaprire la Crevola-Doccio: tratto di provinciale inghiottito dall’alluvione.

Pronta a riaprire la Crevola-Doccio

Oggi ultimo sopralluogo al cantiere sulla SP 105v Crevola-Doccio, prima della riapertura al traffico, prevista per sabato 24 aprile. Presenti dunque il presidente della Provincia (e sindaco di Varallo) Eraldo Botta e il vicepresidente con delega alla viabilità Pier Mauro Andorno. Con loro anche il vicesindaco di Varallo Pietro Bondetti, il Dirigente del settore viabilità della Provincia Marco Acerbo e alcuni rappresentanti della ditta Bertini di Alagna.

Tratto inghiottito dall’alluvione

«Un risultato straordinario – commenta il Presidente Eraldo Botta -, ottenuto in tempi rapidissimi. Sabato restituiremo quindi alla popolazione un’infrastruttura fondamentale per la Valsesia». La strada venne infatti completamente inghiottita dalla piena del Sesia durante l’alluvione del 2-3 ottobre scorso. La carreggiata era crollata completamente per diverse centinaia di metri.

Gli interventi eseguiti

Dopo aver ripulito e bonificato l’area, l’intervento ha previsto la pulizia dell’alveo fluviale e il ripristino del livello del basamento stradale. I lavori successivi hanno quindi completato il basamento di tracciato, la bitumatura binder e il tappeto d’usura, i guard-rail e le segnaletiche.

«Ringrazio e faccio i miei complimenti alla ditta Bertini e all’ing. Marco Acerbo – conclude Botta – per la professionalità e la serietà che ci hanno consentito di giungere a questo traguardo. Grazie anche al vicepresidente Pier Mauro Andorno che, insieme a me, ha seguito con passione e dedizione la vicenda fin dall’inizio».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Un Commento

  • vincenzo paragano ha detto:

    Sarebbe stato bello che nell’articolo si fosse citato anche la tragica morte di un giovane quaronesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *