Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Rosina Vellata festeggiata per i suoi 100 anni
Attualità Borgosesia e dintorni -

Rosina Vellata festeggiata per i suoi 100 anni

Circondata da parenti e amici, martedì ha raggiunto il secolo di vita la donna più anziana di Pray

Martedì familiari e amici si sono stretti intorno a Rosa Vellata, che ha tagliato il traguardo dei cento anni. La donna vive a Pray in frazione Pianceri Alto, dove è nata il lontano 30 maggio 1917 e da dove praticamente non si è mai trasferita.

Insomma, un’intera e lunga vita trascorsa sempre nello stesso paese. “Rosina”, come viene chiamata dagli amici, è attualmente la donna più anziana di Pray e una delle decane dell’intera Valsessera. Proprio per questo motivo nel mese di marzo era stata premiata dalla Pro loco del paese, che in occasione della festa della donna aveva voluto tributare un riconoscimento a una persona che potesse rappresentare il gentil sesso dell’intero territorio: e le era stato regalato un mazzo fiori, che lei aveva particolarmente apprezzato da un’associazione che si era ricordata di lei per questa occasione speciale.

Del resto, come accennato, la pensionata può vantare un curriculum lungo un secolo e prayese al cento per cento: la casa dove vive ora con il fratello e la cognata è la stessa in cui ha abitato fin dalla nascita. La donna è abbastanza lucida, ma qualche acciacco si fa sentire: soprattutto, ha qualche difficoltà nel camminare. Ma per il resto sta abbastanza bene, tanto che appunto riesce a vivere ancora in casa, seppure seguita. A occuparsi di lei il fratello Duilio con la moglie, che appunto vivono con lei.

Rosina non si è mai sposata, preferendo dedicarsi soprattutto al lavoro, in una delle aziende della zona. In particolare, ha trascorso gran parte della sua vita lavorativa nel reparto filatura della ditta tessile Trabaldo di Pray, che raggiungeva direttamente dalla sua frazione di residenza.

Nel tempo libero ha sempre amato lavorare la campagna e l’orto che ha seguito anche durante la pensione. Quando la salute glielo permetteva ancora, amava andare all’aperto e a cercare funghi in giro per i boschi e i sentieri intorno al paese.

Articolo precedente
Articolo precedente