Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Servizi in rete per migliorare la disabilità
Attualità Borgosesia e dintorni -

Servizi in rete per migliorare la disabilità

Due progetti partono a Gozzano e Borgomanero

Al via in questi giorni un maxi progetto vincitore degli Emblematici Maggiori di Fondazione Cariplo 2015 (contributo di 1.000.000 di euro), presentato dal CISS di Borgomanero (Consorzio Intercomunale per la gestione dei Servizi Socio-assistenziali), capofila di progetto, in partenariato con Anffas Onlus di Borgomanero e Gazza Ladra, le due Associazioni di Promozione Sociale locali.
Il progetto intende inserirsi, in maniera positiva, nell’assetto locale dei servizi per la disabilità, affrontando in maniera innovativa due problematiche emergenti sul territorio ossia l’assenza, nell’area Nord della provincia di Novara di un centro per la riabilitazione e la rieducazione dei soggetti disabili in età evolutiva e l’assenza di un centro diurno rivolto, in modo specifico, ad adolescenti e giovani con disabilità importante.

Le due azioni strutturali comprese nel progetto prevedono la realizzazione a Borgomanero del primo Centro Polivalente di riabilitazione e rieducazione funzionale dell’Area Nord della provincia di Novara presso il Centro Territoriale Handicap (CTH) di Viale Libertà, pensato per fornire prestazioni psico- pedagogiche e terapeutico-riabilitative, a livello ambulatoriale, a soggetti in età evolutiva (0-16 anni) e l’ampliamento e la ristrutturazione del Centro Diurno per disabili Anffas a Gozzano, che accoglierà disabili in età adolescenziale e giovanile.

A completare le azioni di progetto sarà la costituzione di una équipe psico-pedagogica multiprofessionale che opererà nei due centri in sinergia con i servizi territoriali, sociali e sanitari, sperimentando un modello di “presa in carico” dei minori disabili integrato e inclusivo.

La data di conclusione degli interventi strutturali è prevista per l’agosto 2018.

«Questo progetto che Fondazione Cariplo ha scelto di finanziarci – commenta la Direttrice del CISS Claudia Frascoia – è sicuramente molto impegnativo, per la portata degli interventi  e l’innovazione metodologica che introduce, ma è sostenuto da una rete di partenariato consolidata e fortemente motivata. In questi anni il lavoro sul territorio svolto dalle due Associazioni partner e dai servizi pubblici territoriali  ha messo in luce nuove esigenze di supporto, cura e inclusione, in particolare della fascia dei più piccoli e degli adolescenti. Il nuovo Centro Polivalente a Borgomanero e l’ampliamento del Centro di Gozzano saranno due luoghi dove i disabili e le loro famiglie saranno accolti e seguiti, proprio in quella fase della vita in cui la differenza, in mancanza di servizi appropriati,  espone al rischio di solitudine e a grandi fatiche».

«Anffas Onlus Borgomanero e APS Gazza Ladra hanno accettato la sfida di lavorare in rete – chiude Laura Lazzarotto, Direttrice di Anffas Onlus Borgomanero – ben sapendo che l’obiettivo finale non deve mai essere solo la crescita delle singole associazioni, ma il miglioramento della proposta per i destinatari dei nostri servizi . Siamo particolarmente emozionati ed orgogliosi, insieme, della sfida intrapresa».

Articolo precedente
Articolo precedente