Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Sindaci sfiduciano il direttore dell’Asl Vercelli
Attualità Borgosesia e dintorni -

Sindaci sfiduciano il direttore dell’Asl Vercelli

Tiramani, Botta e Corsaro chiedono a Serpieri di fare un passo indietro.

Sindaci sfiduciano il direttore dell’Asl Vercelli.

Sindaci sfiduciano il direttore dell’Asl

Si è svolta lunedì, in videoconferenza, la Conferenza dei Sindaci chiamata a esprimersi, al punto 2 dell’ordine del giorno, in ordine alla “Relazione assegnazione obiettivi Direttore Generale Asl Vercelli per l’anno 2019.  La votazione, sul punto, si è chiusa con il parere contrario di tutti i sindaci, eccetto Santhià e Coggiola.
“Il territorio si è espresso chiaramente – dicono, insieme, il Presidente della Conferenza dei Sindaci e Sindaco di Vercelli, Andrea Corsaro, il Presidente della Provincia di Vercelli e Sindaco di Varallo, Eraldo Botta, e il Deputato e Sindaco di Borgosesia, Paolo Tiramani – e quanto successo, non possiamo nascondercelo, rappresenta un segnale fortissimo di sfiducia nell’operato, non certo nella persona, del Direttore Generale dell’Asl. Di fronte a un’espressione così decisa e quasi unanime e quindi senza la fiducia dei rappresenti del territorio nel quale è chiamata a operare – chiudono i tre Sindaci – crediamo che la dottoressa Serpieri dovrebbe prendere atto del venire meno dei presupposti utili a proseguire efficacemente il suo mandato e fare un passo indietro”.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

2 Commenti

  • Fabio Bosio ha detto:

    La signora non si dimetterà mai.In questo patetico Paese non usa….. Arroganza, incompetenza si associano spesso.

  • Alfo ha detto:

    La gestione del Presidente è al quanto discutibile. Mi fa specie il sindaco di Santhià che la sostenga nonostante la incresciosa gestione dei prelievi alla Asl di Santhià con assembramenti ridicoli e mal gestiti. Forse vedere anziani che non si reggono in piedi dover fare ore e ore di coda lo ritiene normale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente