Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Varallo mano pesante con chi non pulisce il bordo strada
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Varallo mano pesante con chi non pulisce il bordo strada

Obbligatorio sfoltire la vegetazione a ridosso delle carrozzabili di uso pubblico e lungo gli alvei dei corsi d’acqua. Ma più controlli e 500 euro di multa a chi lascia tracce.

Varallo mano pesante con chi non pulisce il bordo strada. Il vice sindaco Bondetti: «Per chi non rispetta l’ordinanza comunale scatteranno le prime multe».

Varallo mano pesante con chi non pulisce

Giro di vite da parte del Comune di Varallo in materia di sicurezza stradale. In particolare con l’avvicinarsi del periodo invernale e dell’intensificarsi di piogge e l’arrivo della neve, l’amministrazione guidata dal sindaco Eraldo Botta ha deciso di potenziare i controlli e far scattare le prime multe nel caso in cui i proprietari, possessori o tenutari-conduttori dei terreni che confinano con le strade comunali di uso pubblico e lungo gli alvei dei corsi d’acqua situati nel territorio comunale non rispettano quanto la legge prevede.

L’ordinanza

«Con ordinanza numero 132 del 2018 – ricorda il vice sindaco Pietro Bondetti – il nostro Comune ha ufficialmente ordinato di procedere nel periodo compreso tra il primo ottobre e il 31 marzo di ogni anno al taglio di tutte le piante esistenti lungo il bordo delle strade comunali, entro una fascia minima  non inferiore a 6 metri a monte e a valle della sede stradale. E’ indispensabile che questa ordinanza venga rispettata da tutti, per evitare la caduta di rami e piante sulle strade e il verificarsi di possibili incidenti ai danni degli automobilisti. Sul nostro territorio per fortuna non è mai successo nulla di grave, ma in tante altre zone si sono verificati incidenti purtroppo anche mortali. Ed è quello che vogliamo evitare nel modo più assoluto». Da qui la scelta da parte del Comune di Varallo di intensificare i controlli sul territorio cittadino e di far partire, in caso di ordinanza non rispettata, le prime sanzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente