Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Borgosesia pensionato investito sulle strisce pedonali
Cronaca Borgosesia e dintorni -

Borgosesia pensionato investito sulle strisce pedonali

L'uomo stava attraversando la strada in viale Varallo, quando è stato urtato da un'auto.

borgosesia pensionato

Borgosesia pensionato investito in viale Varallo mentre attraversava la strada.

Borgosesia pensionato investito

Colpito da un’auto mentre attraversava la strada sulle “zebre”: un uomo di Borgosesia è finito in ospedale. E’ il terzo episodio a distanza di pochi giorni accaduto sulle strade cittadine. L’incidente è avvenuto nel primo pomeriggio, in viale Varallo. Un uomo di 70 anni che abita in zona stava attraversando la strada davanti al “Lingottino”, all’altezza del passaggio pedonale più vicino alla chiesetta della Madonna della neve. Mentre si trovava sulle strisce, camminando dal posteggio di piazzale Milanaccio verso il lato opposto, il borgosesiano è stato urtato da una Renault Clio; alla guida si trovava un uomo residente a Serravalle che stava procedendo dal centro città in direzione di Varallo.

I soccorsi

Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia municipale di Borgosesia per effettuare i rilievi e l’ambulanza del 118: il settantenne è stato trasportato al pronto soccorso; ha riportato una frattura e contusioni varie, venendo giudicato guaribile in una trentina di giorni.
Non è certo un periodo benevolo per i pedoni. A fine novembre, marito e moglie erano rimasti feriti dopo essere stati urtati da un’auto in via Partigiani mentre attraversavano sulle strisce pedonali. E pochi giorni prima un investimento era stato fatale per un borgosesiano di 74 anni (che pure si trovava sulle strisce) in via Montrigone. Dopo questo episodio, in un tratto già in passato al centro di incidenti a danno di pedoni, l’amministrazione comunale sta valutando accorgimenti per rendere più sicuro l’attraversamento: si sta pensando di installare un semaforo a chiamata e che scatti anche sul rosso in caso di velocità eccessiva.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente