Seguici su

Cronaca

Briona sequestrata discarica abusiva: la terra usata per la tangenziale di Fara

Pubblicato

il

resti di tacchini

Briona sequestrata discarica abusiva: la terra usata per la tangenziale di Fara. C’è concretamente il rischio che i materiali siano stati immessi nei processi produttivi di opere pubbliche e private.

Briona sequestrata discarica abusiva: la terra usata per la tangenziale di Fara

La polizia giudiziaria ambiente della Procura di Novara e i carabinieri forestali di Novara hanno effettuato un sequestro preventivo di un impianto di trattamento di terre e rocce da scavo e rifiuti da demolizione sito a Briona  in località Proh. Lo riporta Prima Novara.

La discarica abusiva

Il sequestro preventivo, disposto dal Gip di Novara, è stato emesso in conseguenza alla contestata illegittimità dell’atto autorizzativo provinciale al trattamento di rifiuti terrosi e da demolizione, di cui è titolare l’azienda stessa. Inoltre, è stata anche accertata la gestione non conforme a legge di tutto il materiale di scavo e da demolizione edilizia, presente all’interno dell’impianto.  Pertanto, viene contestato il reato di discarica abusiva.

L’uso dei materiali nella tangenziale di Fara

Le terre ed i materiali di recupero sono stati indirizzati verso diverse opere pubbliche, alcune appena concluse. Tra le più importanti, si cita la tangenziale di Fara Novarese, di prossima apertura. Al momento vengono impiegati 20 Carabinieri Forestali, oltre al personale del Gruppo di PG. Ambiente della Procura di Novara. Le province interessate sono, oltre Novara, anche quella di Vercelli, Torino e Trento. In questo momento, si sta procedendo ad acquisire documentazione presso la Provincia di Novara, la Regione Piemonte e presso tre ditte, due della provincia di Vercelli ed una di quella di Novara, che hanno avuto contatti commerciali ed operato acquisizioni/vendite di terre e prodotti di recupero dalla stessa azienda.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *