Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Incidente A4: muore 31enne che stava per sposarsi
Cronaca Fuori zona -

Incidente A4: muore 31enne che stava per sposarsi

Drammatico episodio lungo la Torino-Milano, ferita un'altra donna che avrebbe dovuto essere la testimone di nozze.

autostrada a4

Incidente A4: muore 31enne che stava per sposarsi, ferita una donna che avrebbe dovuto fare da testimone, illeso il fidanzato e un amico. Una tragedia a pochi giorni da un altro episodio drammatico accaduto sulla stessa autostrada pochi giorni fa, quando un umo ha perso la vita per controllare una gomma.

Incidente A4 ad Arluno in direzione Milano: perde la vita giovane donna che stava per sposarsi

E’ drammatico il bilancio dell’incidente avvenuto ieri pomeriggio (domenica) sull’autostrada A4 all’altezza dell’uscita di Arluno, direzione Milano. Come riporta novaraoggi.it, quattro persone sono rimaste coinvolte. Tra loro una giovane donna di 31 anni che è morta poco dopo il ricovero all’ospedale di Magenta. Un’altra ragazza, di 29 anni,  è stata ricoverata all’ospedale Niguarda di Milano, mentre sono più lievi le ferite riportate da due uomini di 33 e 34 anni, ricoverati in codice verde all’ospedale di Magenta.

L’auto è finita contro il guard-rail, poi è rimbalzata in centro carreggiata

Il veicolo ha cominciato a sbandare, prima è finito contro il guard rail, poi è rimbalzato a centro carreggiata. Nell’impatto, le due donne, che viaggiavano sui sedili posteriori, sono state sbalzate fuori dall’auto. È stato un camionista a mettersi di traverso con il proprio mezzo pesante e evitare che potessero investirle. Nonostante i tentativi di rianimazione, una delle donne, che doveva sposarsi a breve e viaggiava con il suo futuro sposo, è morta durante il trasporto in ospedale. L’altra donna, che doveva essere la testimone delle nozze, è ricoverata in gravissime condizioni. Praticamente illesi i due fidanzati delle donne, rimasti a lungo sul luogo dell’incidente e poi portati in ospedale in codice verde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente