Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Investito, ma nessuno se n’era accorto: morto dopo due giorni di agonia
Cronaca Borgosesia e dintorni -

Investito, ma nessuno se n’era accorto: morto dopo due giorni di agonia

Gabriele Orio aveva solo 38 anni: era stato sbalzato per venti metri oltre una ringhiera

Era stato investito, ma sulle prime nessuno se n’era accorto. Un’auto era uscita di strada urtandone un’altra parcheggiata, probabilmente la donna che era alla guida aveva avuto un malore. Nulla di grave, sembrava. Ma la stessa donna, dopo una quindicina di minuti, appoggiando le borse sul muretto a lato strada, aveva visto il corpo esanime di un uomo finito sbalzato oltre la ringhiera e volato una ventina di metri più sotto. Nessuno si era accorto che nell’incidente era stato coinvolto anche lui.

 

Era accaduto l’altro giorno a Varzo, nell’Ossola. Portato d’urgenza al Cto di Torino, il pedone investito è morto ieri sera. Si tratta di Gabriele Orio, di soli 38 anni: troppo gravi le lesioni riportate nell’episodio. E’ stato chiesto ai familiari il nulla osta per l’espianto degli organi. Intanto le forze dell’ordine sono impegnate a stabilire l’esatta dinamica dell’accaduto.

Articolo precedente
Articolo precedente