Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Sabato l’addio ad Aldo Botta, morto sul greto del torrente
Cronaca Varallo e Alta Valsesia -

Sabato l’addio ad Aldo Botta, morto sul greto del torrente

Arrivato i nullaosta per celebrare il funerale di Aldo Botta, 74 anni, morto tragicamente martedì pomeriggio a Sabbia

Sarà celebrato sabato mattina alle 10 a Sabbia il funerale di Aldo Botta, il 74enne  di Varallo morto tragicamente martedì nel tardo pomeriggio a seguito di una brutta caduta sul greto del torrente Sabbiola. Botta era stato amministratore comunale di Sabbia negli anni Ottanta, faceva parte del comitato della Paniccia della Val Sabbiola, e ricopriva anche l’incarico di presidente del consorzio di Salaro. La tragedia è avvenuta martedì intorno alle 17, quando l’auto del pensionato era stata notata a bordo strada e aperta. Sono iniziate le ricerche e il suo corpo è stato trovato riverso sul torrente Sabbiola, a pochi metri dall’auto che aveva parcheggiato. Probabilmente è scivolato e ha sbattuto il volto, per lui non c’è stato più nulla da fare. Nella nottata, intorno alle 21, il Soccorso alpino di Varallo è riuscito a recuperare il corpo. Sul posto anche i carabinieri della stazione di Varallo.
 
La paniccia in val Sabbiola si farà ugualmente domenica 31 gennaio: «Con questa scelta – spiegano gli organizzatori – siamo certi di interpretare il suo pensiero, realizzando ancora una volta un evento nato a scopo benefico. Per noi vorrà dire soprattutto ritrovarsi e cercare nel gruppo quella forza che è stata il motore delle edizioni passate. Una ragione in più per incontrarsi, per dirci che ci siamo e che vogliamo continuare il lavoro fatto finora».
 
Aldo Botta aveva una casa a Salaro che frequentava spesso, così come l’intera vallata.E’ grazie al suo impegno e soprattutto al suo lavoro se tanti lavori sono stati effettuati in questi anni: da quando era in pensione si era dedicato a diverse iniziative nel territorio di Salaro sistemando la piazzola per l’elicottero, abbellendo la chiesa e il rifugio. Una persona che mancherà a tantissimi e un esempio di dedizione e passione per la propria terra. 
 
L’uomo lascia il fratelli Rino, alcune zie, cugini, nipoti e altri parenti.
Articolo precedente
Articolo precedente