Cronaca Gattinara e Vercellese -

Strage di agnelli a Gattinara: 18 animali sgozzati dal lupo

Non è la prima volta che la presenza del lupo viene segnalata in bassa Valsesia: altri avvistamenti a Lozzolo e Roasio

Diciotto agnelli uccisi nelle colline di Gattinara. Ci sono pochi dubbi: è stato il lupo a colpire

Strage di agnelli a Gattinara: 18 animali sgozzati dal lupo

Diciotto agnelli uccisi dal lupo. O dai lupi. Sembrano non esserci dubbi sulla causa della morte degli animali. L’episodio risale alle scorse settimane ed è avvenuto nella zona di Gattinara.

Agnelli uccisi

Gli agnelli erano tenuti al pascolo fuori dalle stalle di una cascina tra Gattinara e Lozzolo. Come raccontano i proprietari, alla mattina si sono ritrovati 18 esemplari uccisi, e pochi sono i dubbi sulle cause. «Erano anche protetti con il filo elettrico», raccontano. E’ stata fatta denuncia e le autorità, Asl compresa, hanno fatto il sopralluogo del caso. Tutti erano stati attaccati al collo. Morti uno dopo l’altro, un danno enorme dal punto di vista economico per i proprietari.

Non solo in alta Valsesia gli allevatori devono fare i conti con gli attacchi dai lupi, che ora si spostano anche nelle zone più basse del territorio.

Diversi avvistamenti

Non è di certo la prima volta che il lupo fa la sua comparsa nella bassa Valsesia. Le testimonianze di avvistamenti non mancano di certo in zona. Infatti proprio un anno fa in questo periodo un lupo era stato trovato morto nelle colline di Lozzolo investito forse da un’auto di passaggio. Anche nella vicina Roasio alcuni mesi fa si era registrato l’avvistamento di un lupo. Pur dovendosi considerare il lupo sempre come un animale selvatico dal quale è dunque opportuno mantenersi a distanza, di norma esso, animale schivo ed elusivo di per sé, non attacca l’uomo, non lo riconosce come possibile preda, bensì come una minaccia da cui allontanarsi velocemente. Invece gli animali da cortile può riconoscerli come prede ed è opportuno adottare alcuni accorgimenti per proteggerli come, ad esempio, recinzioni, dissuasori acustici e visivi.

Inoltre da anni il territorio collinare è parte del progetto europeo “Life Wolf Alps EU”, un piano di monitoraggio del lupo sulle Alpi che interessa quattro nazioni.

(foto Gianluca Colombo)

3 Commenti

  • Ennio ha detto:

    Chi studia A FONDO i lupi afferma che uccidono solo per mangiare e NON fanno stragi che poi abbandonano. Farei indagini piu accurate, sia sui corpi degli animali non ultimo il tipo delle ferite, che nei dintorni, tracce, percorsi, eventuali peli, ecc…

  • Majimbo ha detto:

    I lupi non uccidono per divertimento, non sterminano un branco intero di agnelli per sport. I lupi attaccano la preda che ritengono più debole per mangiarla. Prima di affermare e scrivere fesserie riguardo ai lupi e dare sempre la colpa a loro (e mi riferisco ai beceri allevatori) facciamo indagini più accurate. Scoprirete che i lupi non c’entrano nulla.

  • paolino ha detto:

    La notizia non è rassicurante, sopratutto per chi va a correre o passeggiare in collina. Non so se la foto sia di repertorio, ma mi pare strano che dei lupi ammazzino un branco di pecore giusto per lo sfizio di peredere il tempo. Teoricamente avrebbe dovuto sbrananarle. E dalla foto mi pare che non sia così. Anche le immagini fanno informazione, sarebbe utile capire cosa sia successo veramente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *