Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Prino sconfitto a Valduggia: c’era voglia di cambiare, faremo il nostro lavoro in minoranza
Politica Borgosesia e dintorni -

Prino sconfitto a Valduggia: c’era voglia di cambiare, faremo il nostro lavoro in minoranza

E' stato sindaco per due mandati, dal 2011 fino alla scorsa settimana.

Prino sconfitto a Valduggia: c'era voglia di cambiare, faremo il nostro lavoro in minoranza

Prino sconfitto dopo due mandati: ora per lui si apre l’esperienza in opposizione a Valduggia.

Prino sconfitto a Valduggia

Per dieci anni ha guidato il paese: ora Pier Luigi Prino passa alla minoranza. E’ stato per due mandati, dal 2011 fino alla scorsa settimana, sindaco di Valduggia. E ora si prepara a una nuova esperienza alla guida dell’opposizione. La lista “Valduggia viva” non ha convinto gli elettori valduggesi a concedere il terzo mandato. Saranno in tre sui banchi della minoranza, nel nuovo consiglio guidato dal sindaco Luca Chiara.

I voti

«L’esito del voto è stato negativo per me e per la squadra, ringrazio comunque i cittadini di Valduggia per la loro collaborazione e l’affetto che mi hanno sempre dimostrato nei miei anni da sindaco – commenta Prino -. Sinceramente speravo in un risultato ben diverso, ma è andata così: accetto l’esito e la sconfitta, senza amarezza. Dal voto è emersa evidente la voglia dei cittadini di cambiare, e allora è giusto che ci sia un’altra persona ad amministrare il paese».

L’esperienza pregressa

Oltre ai due mandati da sindaco, Prino era stato vice di Pier Carlo Zanetti e in precedenza assessore. Gli mancava ancora un ruolo in minoranza, che ricoprirà nei prossimi cinque anni insieme ai consiglieri più votati della lista, Fabrizio Lauti e Davide Guida: «Sarà un compito di controllo il nostro – assicura -, faremo attenzione ai lavori che verranno programmati ed eseguiti. Entrambi i gruppi hanno a cuore Valduggia, quindi l’obiettivo è lo stesso: il nostro lavoro in consiglio non sarà dunque di ostacolare, quanto piuttosto di evidenziare eventuali errori e di dare suggerimenti e spunti».

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *