Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Maresciallo fulminato da infarto durante l’alzabandiera
Attualità Novarese -

Maresciallo fulminato da infarto durante l’alzabandiera

Davide Marchesin muore a soli 51 anni nel piazzale dell'aeroporto di Cameri: lascia moglie e due figli

Maresciallo fulminato da infarto all’avvio della cerimonia dell’alzabandiera all’aeroporto di Cameri. Davide Marchesin aveva solo 51 anni.

Maresciallo fulminato da infarto durante la cerimonia

E’ morto improvvisamente, stroncato in pochi secondi da un attacco cardiaco. Si è accasciato a terra nel piazzale all’avvio della cerimonia dell’alzabandiera che si stava svolgendo all’aeroporto di Cameri, nel Novarese. L’Aeronautica piange il maresciallo Davide Marchesin, 51 anni, del reparto manutenzione velivoli. In pratica era addetto a terra ai caccia Typhoon Eurofighter.

Inutili i tentativi di rianimazione

Quando l’uomo ha avuto il malore, gli altri militari hanno tentato a lungo di rianimarlo. Ma non c’è stato niente da fare. Davide Marchesin lascia la moglie e due figli di 16 e 18 anni. Il funerale sarà celebrato lunedì a Novara nella basilica di San Gaudenzio.

Un Commento

  • Alessandro.R. ha detto:

    Io che l’ho conosciuto, noi che l’abbiamo conosciuto quali colleghi, ricordiamo commossi la sua persona. Sempre composto, mai fuori riga; rispettoso dei superiori, e dei suoi colleghi. Mai sentito fare apprezzamenti fuori luogo o volgari. Un’uomo di etica ed educazione d’altri tempi. Sempre dedito con passione al suo lavoro; quest’ultimo, altamente professionale, e di estrema responsabilità. Composta quale uomo, e uomo in uniforme che gli ha permesso per le sue caratteristiche e compostezza di raggiungere il non facile grado di Primo Luogotenente. Grado, attribuitogli giustamente per le sue note caratteristiche sempre lineari ed al top delle valutazioni. Ci mancherà un collega, ancor più l’amico Davide che per tanti anni è stato al nostro fianco, per cui commossi noi tutti, rivolgiamo un pensiero alla famiglia e suoi amati. figli. Questi, che siano orgogliosi e fieri del loro padre, perché cosi’ lui era come descritto, e forse lo era ancor più.
    Ciao Davide !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente