Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Protesta migranti a Portula, il sindaco scrive in Prefettura
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Protesta migranti a Portula, il sindaco scrive in Prefettura

«Un ragazzo ha danneggiato l'auto di un passante che non c'entrava nulla»

Protesta migranti a Portula e adesso il sindaco Fabrizio Calcia Ros scrive in prefettura.

Protesta migranti a Portula stamattina

Anche il sindaco di Portula Fabrizio Calcia Ros stamattina è intervenuto a Granero dove i migranti del centro di accoglienza avevano bloccato la strada. Diverse le lamentele: dalla mancanza di pane, all’assenza di carta igienica, al pocket money che non viene pagato da oltre quattro mesi. «Sinceramente adesso sono stanco – spiega Calcia Ros -. Si è arrivati a bloccare una strada nell’ora in cui la gente va a lavorare e gli studenti a scuola, un ragazzo poi ha dato un calcio a un’auto di un uomo che andava a lavorare e non c’entrava nulla provocando un danno. Non è così che si fa». E il sindaco ha voluto rendersi di persona della situazione: «La carta igienica nei bagni c’era, così come il pane per pranzo e colazione… Il pocket money? E’ vero, non lo ricevevano da mesi. Ma questa storia è una questione tra migranti e cooperativa che ha avuto l’incarico dalla Prefettura. Il Comune non centra nulla, così come non centrano gli abitanti di Portula che hanno subito i disagi. Lo dico francamente: se a qualcuno non piace stare qui può benissimo tornare a casa, nessuno li trattiene. Episodi del genere non li tollero, ho scritto anche in Prefettura chiedendo l’allontanamento del ragazzo che ha dato un calcio all’auto di passaggio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente