Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Madre morta mentre portava il figlio a scuola: sconcerto all’Alberghiero di Gattinara
Cronaca Gattinara e Vercellese -

Madre morta mentre portava il figlio a scuola: sconcerto all’Alberghiero di Gattinara

Profondo dolore per la tragedia che è costata la vita a Silvia Cimadoro

Madre morta mentre portava il figlio a scuola: sconcerto all’Alberghiero di Gattinara. La tragedia è accaduta l’altro giorno.

Madre morta mentre portava il figlio a scuola: sconcerto all’Alberghiero di Gattinara

Il figlio Matteo infatti frequenta l’istituto alberghiero “Soldati” di Gattinara. E mercoledì i compagni di classe e tutta la scuola sono rimasti profondamente colpiti dalla notizia ricevuta. Silvia Cimadoro martedì era uscita presto di casa con il figlio più piccolo. Come ogni mattina lo portava da Carpignano, dove abita la famiglia, alla fermata di Ghislarengo per prendere il pullman diretto a Gattinara. Quindi la mamma aveva imboccato la strada che porta a Carpignano sul ponte del Sesia. E’ qui, forse a causa di una lastra di ghiaccio, che ha perso il controllo. La Matiz è impazzita finendo per scontrarsi contro una Toyota Yaris che arrivava dal lato opposto, condotta da una donna di 45 anni di Arborio. E’ stato un colpo violento tanto che l’auto si è capovolta e la donna è stata sbalzata fuori dall’abitacolo. Nel frattempo sono arrivati i soccorsi, ambulanze, carabinieri e vigili del fuoco. Le condizioni della 46enne sono parse subito disperate, è stato fatto intervenire l’elisoccorso 118 di Borgosesia che ha portato la giovane madre al “Maggiore”. I medici hanno cercato di rianimarla, ma alla fine si sono dovuti arrendere.

Lascia il marito e due figli

Silvia Cimadoro lavorava al maglificio “Reginato” di Carpignano Sesia, un’azienda dove era apprezzata. La donna lascia il marito Filippo Grossi, oltre ai figli Francesca e Matteo, mentre il fratello Giovanni gestisce un bar a Carpignano. Se l’è cavata soltanto con qualche frattura l’altra donna coinvolta nel sinistro ed è stata dimessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente