Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Serravalle lezioni agli anziani contro le truffe
Cronaca Serravalle e Grignasco -

Serravalle lezioni agli anziani contro le truffe

Anziani nel mirino dei truffatori

Contro i truffatori, a Serravalle un incontro con le forze dell’ordine. L’appuntamento si terrà mercoledì 28 febbraio al Centro incontro anziani. «Il comandante dei carabinieri di Vercelli e il maresciallo di Serravalle incontreranno i soci nelle nostre sale – spiega Pippo Santoni, presidente del Cias -. Si parlerà di un tema importante: le truffe che prendono di mira i pensionati. Le forze dell’ordine inoltre faranno capire quali sono i modi per intervenire per sventare l’azione dei malviventi».

In effetti sono molteplici le storie di pensionati valsesiani e valsesserini che negli ultimi tempi sono caduti nella rete di truffatori. Ci sono persone che indossano i panni di finti incaricati del servizio elettrico, chi dice di voler controllare la potabilità dell’acqua. E non manca chi racconta di essere mandato dal parroco a raccogliere fondi.

Tante storie di pensionati truffati

Con modi persuasivi e scuse convincenti i ladri in molti casi riescono a introdursi nelle abitazioni delle vittime e spesso rubano gioielli, ricordi di una vita e risparmi. Tutto nell’arco di breve tempo e con particolare destrezza. Per evitare che si creino queste situazioni, a Serravalle si è pensato di intervenire promuovendo un appuntamento informativo. «Questa non è la prima volta che ospitiamo le forze dell’ordine per un incontro sulla sicurezza – sottolinea Santoni -. Già due anni fa un appuntamento simile era stato organizzato. Crediamo che sia un bel modo per informare le persone e capire come evitare tante situazioni spiacevoli».

L’incontro di mercoledì 28 febbraio

Dopo la tombola, intorno alle 16, i presenti potranno dunque prendere parte all’evento. «Abbiamo pensato insieme alle forze dell’ordine di proporre l’incontro in questa giornata dal momento che è un pomeriggio molto seguito dai soci – conclude Santoni -. Invitiamo tutti a partecipare perché l’argomento è molto importante».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente