Seguici su

Attualità

Affitti concordati a Gattinara: firmato l’accordo

Pubblicato

il

affitti concordati

Affitti concordati a Gattinara: un accordo che potrà portare vantaggi per inquilini e proprietari.

Affitti concordati l’accordo

Contratti d’affitto a canone concordato: è il tema di un accordo sancito a Gattinara nei giorni scorsi. È stato firmato a Palazzo di città tra le organizzazioni sindacali dei proprietari e degli inquilini maggiormente rappresentative a livello locale. Si tratta di un importante atto che stabilisce regole uniformi e parametri trasparenti per l’applicazione dei contratti di locazione residenziale. Il Comune di Gattinara ha avuto un ruolo di coordinamento dei lavori che hanno portato alla definizione dell’accordo che tende a favorire l’incontro tra domanda e offerta di abitazioni. La prima novità di questa operazione è nell’accordo stesso, la seconda riguarda i vantaggi sia per i locatori che per i locatari; significa che gli inquilini potranno godere di un sensibile alleggerimento della spesa per l’affitto grazie al vantaggio delle agevolazioni fiscali che il proprietario dell’immobile potrà usufruire stipulando questo tipo di contratto.

I proprietari

In caso di scelta del contratto a canone concordato sono previsti vantaggi sia per i proprietari che per gli affittuari. Per i primi se non optano per la cedolare secca, è prevista una riduzione del 30% sul reddito imponibile derivante dalla proprietà affittata per l’applicazione dell’Irpef e dell’imposta proporzionale di registro; in caso di opzione per la cedolare secca, l’aliquota sul canone pattuito dalle parti è quella normalmente prevista del 21% e non sono dovute le imposte di registro e di bollo sul contratto di locazione, sulla risoluzione e sulle proroghe. Per i locatori che stipuleranno un contratto concordato per abitazione principale ad un inquilino che prenderà la residenza anagrafica, è prevista una riduzione del 25% per Imu e Tasi.

Gli inquilini

Per gli inquilini che stipuleranno un contratto di affitto a canone concordato per un alloggio adibito ad abitazione principale potranno avvalersi di una detrazione Irpef annua, a seconda del reddito, di 495,80 euro o di 247,80 euro (anziché 300 o 150 euro in caso di affitto a canone libero). In caso di adozione della cedolare secca da parte del proprietario, altra agevolazione prevista per gli inquilini è il blocco dell’indicizzazione Istat e l’esenzione dalla compartecipazione oneri derivanti dalla gestione contrattuale. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web del Comune di Gattinara dove è possibile reperire il testo dell’accordo, i modelli di contratti-tipo con gli allegati ed i contatti dei soggetti che hanno stipulato l’accordo a cui rivolgersi per maggiori dettagli.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *