Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Alloggi popolari Borgosesia: aperto bando per l’assegnazione
Attualità Borgosesia e dintorni -

Alloggi popolari Borgosesia: aperto bando per l’assegnazione

Sarà disponibile un servizio di assistenza per agevolare i cittadini con le pratiche burocratiche.

Alloggi popolari Borgosesia

Alloggi popolari Borgosesia: c’è tempo fino al 27 marzo per depositare le domande di assegnazione.

Alloggi popolari Borgosesia, il bando

Venerdì 27 marzo: questa la scadenza per partecipare al bando del Comune di Borgosesia per l’assegnazione degli alloggi di edilizia sociale. I requisiti vanno dall’Isee del nucleo familiare (che non dev’essere superiore ai 21.329,17 euro), alla residenza o attività lavorativa da almeno cinque anni sul territorio, e altri criteri specificati nel bando pubblicato sul sito internet del Comune o negli uffici in municipio. Le persone interessate dovranno compilare i moduli per la domanda di assegnazione: per informazioni e aiuto nella compilazione è possibile prendere appuntamento con l’operatore addetto, telefonando al 335. 1095.993. Lo stesso numero va chiamato per consegnare le domande, che dovranno essere complete di marca da bollo da 16 euro e corredate della documentazione richiesta.

L’assistenza

«Abbiamo appena avviato un nuovo corso nei rapporti con l’Atc per migliorare il servizio alle fasce della popolazione con difficoltà abitative – commenta il sindaco Paolo Tiramani -. Con questo bando confidiamo di supportare chi sta vivendo in disagio, andando loro incontro con l’offerta di alloggi dignitosi che garantiscano una situazione residenziale accogliente». Il Comune assicura collaborazione ai cittadini per agevolarli nella compilazione delle pratiche e semplificare la parte burocratica: «Abbiamo incaricato una persona che da oggi risponderà a coloro che chiederanno indicazioni e avranno bisogno d’aiuto – evidenzia il vice sindaco e assessore ai servizi sociali, Emanuela Buonanno -. Il settore sociale è molto importante, e il mio obiettivo è di fare in modo che nessuno si senta escluso».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente