Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Apparecchietto come fosse il medico: a Borgo la telemedicina entra a scuola
Attualità Borgosesia e dintorni -

Apparecchietto come fosse il medico: a Borgo la telemedicina entra a scuola

Grazie al Tytocare si potranno misurare “a distanza” febbre e saturazione, ma anche auscultare i polmoni ed esaminare la gola.

Apparecchietto come fosse il medico: il servizio sarà attivato nelle scuole dell’infanzia, primarie e medie.

Apparecchietto come fosse il medico

Si chiama Tytocare ed è un apparecchietto in grado di misurare la temperatura corporea, il battito cardiaco e il grado di saturazione dei polmoni. Può anche effettuare l’auscultazione polmonare e dare un’occhiata alla gola attraverso una telecamera.

La telemedicina entra a scuola

È uno strumento che, messo ora a disposizione delle scuole dell’obbligo di Borgosesia, permetterà di attivare la medicina a distanza nelle aule. Vale a dire, tenere sotto controllo la salute degli alunni senza costringerli ad andare dal medico, ma usando appunto il Tytocare.

L’intervento di infermieri specializzati

Nello specifico, infermieri specializzati utilizzeranno il dispositivo di telemedicina per rilevare il battito cardiaco e la saturazione, effettuare l’auscultazione polmonare, valutare l’area rino-orofaringea e l’epidermide grazie alla telecamera di cui è dotato l’apparecchio; quindi misureranno la febbre e invieranno tutti i dati raccolti direttamente ai medici e pediatri di base per ottenere una diagnosi in tempi rapidi.

Progetto presentato davanti alle telecamere Rai

Il progetto è stato presentato venerdì mattina, alla presenza anche delle telecamere della Rai. Già, perché si tratta di un progetto innovativo lanciato dall’amministrazione comunale a favore delle scuole dell’infanzia, primarie e medie della città.

Priorità dell’amministrazione

«La tutela della salute è una nostra priorità – commenta il sindaco Paolo Tiramani – e anche questa azione si inserisce nel contesto del nostro lavoro in questo ambito. Le attrezzature ci sono state consegnate in questi giorni, ma le abbiamo ordinate mesi fa, quando ancora non si sapeva se ci sarebbe stata una seconda ondata e di che entità potesse essere: oggi, alla luce di quanto sta accadendo, la nostra decisione si rivela quanto mai opportuna».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *