Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia inaugurato nuovo deposito per rifiuti ingombranti e speciali
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia inaugurato nuovo deposito per rifiuti ingombranti e speciali

La piattaforma ecologica gestita dalla Seso ha sede all’interno dell’area industriale di Plello.

Borgosesia inaugurato nuovo deposito dotato di 13 container e 3 compattatori. L’impianto può ricevere una media di 140 tonnellate di rifiuti al mese.

Borgosesia inaugurato nuovo deposito per rifiuti ingombranti

Inaugurato il nuovo centro per la raccolta dei rifiuti ingombranti e speciali. La piattaforma ecologica comunale si trova a Plello, nel contesto dell’area industriale, ed è gestita da Seso. Sebbene sia attiva ormai da inizio anno, l’area ecologica ha avuto una presentazione ufficiale la scorsa settimana, alla presenza di amministratori e vertici di Seso.

Un nuovo servizio disponibile

La piattaforma è nata per ricevere i rifiuti ingombranti e speciali dei cittadini. Questa permette infatti ai borgosesiani di non dover fare riferimento al centro di raccolta ubicato a Roccapietra o ad azienda private. L’area ecologica è presidiata quotidianamente da due persone e dotata di un impianto di videosorveglianza sempre attivo e collegato con la centrale operativa del Comune.

E compreso nella tassa rifiuti

L’impianto è in grado di ricevere una media di 140 tonnellate di rifiuti al mese. «Per i cittadini di Borgosesia il servizio è compreso nella tassa rifiuti – evidenzia l’amministratrice unica di Seso, Marisa Varacalli -. La nuova area ecologica garantisce minori costi e massima sicurezza nello smaltimento. La gestione autonoma del servizio consente a Seso di contenere i costi invariati e di non applicare aumenti alle tariffe al cittadino, e permette un controllo attento sulle fasi di smaltimento, che avvengono nel pieno rispetto delle normative di tutela ambientale».

Un progetto di 12mila mq

L’impianto si estende su una superficie di 5mila metri quadrati, che diventeranno 12mila quando l’intero progetto sarà completato. La realizzazione degli altri lotti avverrà in un secondo tempo. Il direttore di Seso, Dario Pavanello, anticipa il progetto con queste parole:

«L’isola di Plello va oltre il concetto di area ecologica, per prospettarsi come spazio di tutela e formazione per il miglioramento del rapporto tra il territorio e l’ambiente. Per il futuro, si immagina di qualificare il sito con iniziative in diverse direzioni: si pensa di realizzare spazi destinati ai dipendenti, dove possano svolgersi iniziative di formazione oltre che di ricreazione, e si intende attivarsi per organizzare laboratori destinati agli allievi delle scuole della città, e anche dell’intero territorio, a cui offrire lezioni ed esperienze di educazione ambientale».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *