Attualità Gattinara e Vercellese -

Chef di Gattinara premiato da “Il golosario”

Importante riconoscimento per Luca Naula, il giovane cuoco che da sei mesi dirige la cucina del ristorante “Magnolia”.

Gattinara, “Il Golosario” premia lo chef Luca Naula, che da sei mesi dirige la cucina del ristorante “Magnolia”.

Chef di Gattinara premiato da “Il golosario”

Lo chef 29enne Luca Naula, di origini vintebbiesi, da sei mesi chef al ristorante “Magnolia” di Gattinara ha già ricevuto un prestigioso riconoscimento.

A premiare il cuoco è la nota guida che recensisce periodicamente, a livello nazionale, migliaia di strutture ricettive.

«Il Golosario ha attribuito a me e al ristorante “Magnolia” il faccino radioso che corrisponde a un 10 e lode nella cucina – spiega il cuoco –. Mentre il collega Alberto Quadrio con cucina Nervi ha ottenuto la corona radiosa. Inutile dire che sono particolarmente soddisfatto del riconoscimento e che questo è un ottimo punto di partenza che sprona a proseguire il percorso che ho cominciato».

Leggi la recensione di Paolo Massobrio pubblicata su “Il golosario”.

Un cuoco che abbraccia il mondo

«Ho messo piede in cucina quando avevo 16 anni e ho proseguito ad affinare tecniche, metodi e ricerca nel corso del tempo – prosegue –. Con gli anni ho avuto modo di fare molteplici esperienze che mi hanno portato in ristoranti stellati in Inghilterra, Svizzera e poi per sette anni al fianco del noto chef Moreno Cedroni. È stato sicuramente un lungo cammino che mi ha dato la possibilità di crescere professionalmente e sperimentare molteplici tecniche».

Naula è un cuoco che si potrebbe definire “cosmopolita” dal momento che nei suoi piatti ci sono “spicchi di mondo”.

«Quando cucino, oltre ad avere presente quanto sia importante la tradizione valsesiana, e ovviamente la materia prima che possiamo avere sul territorio, ho a cuore anche ciò che ho raccolto nei miei viaggi. Per esempio nella preparazione della mia anatra all’arancia ho introdotto qualche variazione, che rimanda al territorio asiatico».

Una cucina più “innovativa”

Da qualche mese il cuoco 29enne ha cominciato una nuova avventura lavorativa. «Sono chef al “Magnolia”, ristorante aperto da pochi mesi, nel cuore di Gattinara. È un’esperienza che mi sta donando molto. È proprio qui che ho pensato di proporre un nuovo concetto nel menù».

«Credo che sedersi a un tavolo debba essere una esperienza sensoriale e per questo motivo chi prende un menù non può sentirsi, secondo me, ingabbiato in soliti schemi: antipasti, primi e secondi. Ho concepito dunque un nuovo concetto di menù fatto di piatti “iniziali” e “forti”, lavorando su carne, pesce e sul crudo».

«La mia idea è di portare un’aria di novità in ambito enogastronomico, partendo ovviamente dalle esperienze di tradizioni che abbiamo ancora sul territorio. Un esempio pratico della mia prospettiva? Ho abolito le tovaglie: il tavolo deve essere protagonista».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *