Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Coggiola incubatoi ancora vuoti: due imprese beffano il Comune
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Coggiola incubatoi ancora vuoti: due imprese beffano il Comune

In primavera sarà organizzato un nuovo bando

pray e coggiola

Incubatoi vuoti a Coggiola

Incubatoi vuoti

Un anno fa i due incubatoi di impresa di via Roma a Coggiola sembravano ormai assegnati grazie al bando. Peccato che da allora nessuna attività si sia insediata: chi aveva fatto domanda alla fine si è tirato indietro. E così gli immobili sono ancora vuoti. Ma proprio di recente il Comune ha registrato un nuovo interessamento e così in primavera sarà organizzato un nuovo bando.

Delusione in Comune

C’è un po’ di delusione da parte dell’amministrazione comunale. «Sinceramente lo scorso anno pensavamo di aver finalmente assegnato i due incubatoi che erano ancora vuoti – osserva il sindaco Gianluca Foglia Barbisin -. Tra l’altro come amministrazione eravamo riusciti a liberare i locali rimasti occupati dai vecchi assegnatari che però non utilizzavano più da tempo gli spazi». A febbraio dello scorso anno erano stati assegnati i nuovamente gli incubatoi, a quel punto bisognava soltanto procedere con le pratiche burocratiche. E invece tutto si è fermato lì. «Abbiamo registrato due rinunce – osserva Foglia Barbisin -. Sinceramene non ce lo aspettavamo».

Altre richieste

Ultimamente però altri privati si sono fatti vivi chiedendo i locali. «Questo ci ha spinto a organizzare un altro bando – sottolinea il primo cittadino – e speriamo che stavolta non ci siano intoppi di alcun tipo e soprattutto partecipazione». A disposizione ci sono due locali: uno al primo piano di 71 metri quadrati e l’altro di 55 metri quadrati al secondo piano, entrambi dotati di servizi igienici. Possono prendere parte al bando imprese, artigiani o liberi professionisti. Gli incubatoi di impresa sono stati ultimati ormai da una decina di anni, un progetto all’epoca avanti con i tempi che ha anticipato gli attuali “co-working”, spazi messi a disposizione da pubblici e privati per le nuove attività che decidono di cooperare tra loro. Finora però dei tre locali a disposizione, soltanto uno ha sempre continuato a essere attivo e funzionante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente