Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Crevacuore compie un anno il negozio del baratto per i bambini

E' una delle attività principali dell'associazione di volontariato sociale “La zattera”.

Crevacuore compie il primo anno il negozio del baratto per i più piccoli: “La zattera” traccia un primo bilancio.

Crevacuore compie un anno il negozio

Momento di bilanci per l’associazione di volontariato sociale “La zattera”, con sede a Pray e operativa su tutta la Valsessera da sette anni. Il sodalizio è impegnato in particolare nel fornire aiuti economici alle famiglie bisognose e nella gestione di un negozio del baratto. Nelle scorse settimane le socie si sono ritrovate per l’approvazione del bilancio 2021 e per il rinnovo delle cariche sociali per il prossimo triennio.
«Il bilancio 2021- commenta la nuova presidente Alice Broglia Patron che subentra a Matilde Bruno – è stato molto soddisfacente. Nonostante i soldi investiti per la realizzazione del nostro negozio del baratto a Crevacuore, abbiamo chiuso con un piccolo utile di 970 euro, grazie alle numerose offerte da privati e da un’impresa tessile del territorio che da anni ci sostiene e ci appoggia sul fronte degli aiuti economici alle famiglie povere».

Le spese

In dettaglio, nell’anno si sono spesi, proprio per le esigenze di una ventina di famiglie valsesserine segnalate dai Servizi sociali o dai Comuni, 4100 euro; per la realizzazione del negozio (ristrutturazione, affitto e prime bollette) 3200 euro, mentre 900 euro sono andati per l’operazione “Tampone sospeso”. Per questa finalità erano entrate offerte per 1550 euro (650 sono poi stati usati nei primi mesi del 2022); 3600 euro offerte per il progetto Euro20 (la tassazione mensile di 10 o 20 euro da parte di una ventina di famiglie per sostegno a famiglie povere della valle); 2900 euro di offerte da un’impresa tessile e da un Comune; poco meno di 1000 euro di offerte raccolte al Bibi, il negozietto del baratto dove a ogni scambio si chiede un’offerta minima di 1 euro per far fronte alle spese vive del negozio stesso (affitto e bollette).

Il negozio

«Il negozio- spiega la segretaria Ilenia Ossola- è stato la principale novità del 2021. Dopo un anno di pandemia avevamo davvero voglia di darci da fare e creare un luogo fisico di incontro con il pubblico e con le persone. Grazie anche all’aiuto del sindaco di Crevacuore Ermanno Raffo che ci ha molto sostenute nell’avventura, abbiamo trovato un locale lungo la centralissima via Garibaldi, lo abbiamo sistemato, arredato e riempito di belle cose usate per bimbi da 0 a 14 anni. Chi vuole può portare abiti, scarpe, giochi, libri, piccoli oggetti e al contempo di può prendere ciò di cui necessita. Il negozio si è subito animato con il passaggio di molte persone e siamo molto felici della sua buona riuscita. Abbiamo circa 200 utenti. Il baratto consente di limitare molto gli sprechi, è un’attività divertente e al tempo stesso utilissima per chi ha poche risorse economiche. Ma da noi vengono mamme di ogni condizione e ceto sociale. E questo ci piace molto, è quello che volevamo».

Gli altri progetti

Il Bibì, aperto il mercoledì e sabato pomeriggio dalle 14.30 alle 17.30, vede all’opera 10 volontarie, che turnano e si danno il cambio nelle varie attività di accoglienza, smistamento e riordino. Intanto altre volontarie sono attive anche sul fronte del progetto “La scuola in valle”, in partnership con l’associazione Eufemia di Varallo e numerosi altri enti ed realtà del territorio, per favorire alfabetizzazione degli stranieri, la loro scolarizzazione e il buon inserimento nella vita sociale.
La Zattera Odv, attiva dal 2015, è presente anche sui social Facebook e Instagram. Si possono usare questi canali per contatti vari e richieste di informazioni sulle varie attività in corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.