Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Funivia Sacro Monte: gestione affidata a Monterosa 2000
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Funivia Sacro Monte: gestione affidata a Monterosa 2000

Con l'inizio di aprile, l'Egimont ha lasciato il posto alla società partecipata dal Comune.

funivia sacro monte

Funivia Sacro Monte: con l’inizio del mese ha preso il via la nuova gestione.

Funivia Sacro Monte, il cambio

Passaggio di testimone alla gestione della storica funivia del Sacro Monte: arriva “Monterosa 2000”. Il ventilato passaggio dalla Egimont, che per sedici anni si è occupata dell’impianto, alla società partecipata dal Comune di Varallo, che già gestisce gli impianti di risalita di Alagna, Mera e Macugnaga, si è dunque concretizzato. Con il 2018 si era chiusa, come aveva già annunciato la stessa società, la gestione Egimont e con l’anno nuovo si sarebbe dovuta aprire una nuova fase nella storia della funivia che porta cittadini e turisti al santuario nel modo più suggestivo. Ma il cda di “Monterosa 2000” aveva voluto valutare ancora qualche aspetto prima di ufficializzare il suo ok.

Una soluzione transitoria

Nei primi tre mesi dell’anno, per continuare a garantire il servizio pubblico, che nel 2018 ha registrato un numero di passaggi mai visto in tutta la storia della funivia grazie soprattutto alla mostra dedicata a Gaudenzio Ferrari, l’impianto è stato riaffidato in via transitoria alla Egimont fino a fine marzo. A partire al primo aprile il collegamento via fune tra la città e il suo santuario rientra dunque nella rete degli impianti di risalita valsesiani. Doverosi da parte dell’amministrazione i ringraziamenti alla “Egimont” di Evandro Orleoni, «per l’ininterrotto lavoro svolto dal 2003 al 2019, con professionalità e spirito di collaborazione» sottolinea il sindaco Eraldo Botta.

La storia

«Inaugurata il 28 agosto 1935 – ricorda il sindaco – la funivia, oltre che costituire un veloce mezzo di trasporto, rappresenta da sola un’attrazione dal punto di vista turistico ponendosi come la più ripida d’Europa. Sono certo che questo passaggio darà nuovo impulso alla struttura, grazie alla Società gestore degli impianti a fune di Alagna, di Mera e Macugnaga, che si pone come una delle più importanti del settore. Mi spingo ad aggiungere che da ora “sarà aiutata” dalle preghiere che i valsesiani sono soliti portare al Sacro Monte, a ricevere copiose nevicate sulle piste da sci».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente