Attualità Gattinara e Vercellese -

Gattinara, bambini all’Ecomuseo per imparare il dialetto. Le foto

Le classi seconda e quarta all’esposizione permanente di villa Paolotti per meglio conoscere la vita contadina.

Le classi seconda e quarta all’esposizione permanente di villa Paolotti per meglio conoscere la vita contadina.

Gattinara, il dialetto si studia anche all’ecomuseo

Gli studenti di dialetto all’Ecomuseo delle arti, dei mestieri e delle tradizioni a villa Paolotti. Nei giorni scorsi le classi seconda e quarta elementare hanno fatto visita all’esposizione permanente, un’iniziativa per meglio comprendere l’etimologia delle parole del dialetto gattinarese, così come il significato delle frasi. Una terminologia che è legata a filo doppio al mondo contadino.

La scuola di dialetto, sospesa per due anni a causa della pandemia, e organizzata dal Comune, è ripartita a pieno ritmo. Gli studenti cono stati accompagnati dagli assessori Elisa Roggia e Luca Caligaris, oltre che dagli “insegnanti” Mario Mostini e Roberto Moscotto, e dal volontario Fabrizio Bussolino.

Nei giorni scorsi gli insegnanti avevano accompagnato i ragazzi al lavatoio, uno dei luoghi simbolo della cultura pre–industriale. Il corso di dialetto prevede tre ore di lezione per ogni classe suddivise in due uscite. Possono inoltre ascoltare, in un video trasmesso in un’apposita sala, la testimonianza di chi quei tempi li ha vissuti in prima persona.

Un momento della visita al museo di villa Paolotti per gli studenti di seconda e quarta elementare che seguono il corso di dialetto (fotoservizio Gianluca Colombo)

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.