Attualità Gattinara e Vercellese -

Gattinara realizza tre passaggi pedonali rialzati: più sicurezza in corso Valsesia

Due passaggi simili sono stati posati anche in via Rovasenda e in corso Vercelli. Lampeggianti a San Bernardo.

Gattinara, tre nuovi passaggi pedonali rialzati lungo corso Valsesia. «La sicurezza dei pedoni è la nostra priorità»

Gattinara realizza tre passaggi pedonali rialzati

Arrivano i passaggi pedonali rialzati in corso Valsesia a Gattinara. Tre dispositivi sono stati posati nei giorni scorsi lungo la trafficata arteria. Costituiscono un deterrente contro l’alta velocità; spesso i limiti di velocità non vengono rispettati sul rettilineo che dalla rotonda del ponte di Romagnano conduce fino all’ingresso nel centro cittadino.

La questione della sicurezza di quel tratto era stata posta dalla minoranza consigliere, soprattutto in seguito all’incidente nel quale, lo scorso anno, perse la vita una giovane studentessa. Una situazione di pericolo che è parsa evidente anche alla maggioranza. che da tempo aveva comunque già concordato con la Provincia alcune misure tese alla sicurezza dei pedoni.

Parla il vice sindaco

«Abbiamo deciso di sollevare dal piano stradale i tre attraversamenti zebrati situati lungo il corso in ingresso in città da nord – spiega il vice sindaco Baglione –. Con la Provincia di Vercelli, con cui condividiamo la competenza dell’asse stradale, avevamo deciso di mettere a punto un sistema che permettesse di ottenere due risultati: mettere in sicurezza i pedoni e rallentare ulteriormente le automobili. I tre rialzi sono situati a una distanza che impedisce ai veicoli di accelerare in maniera eccessiva tra l’uno e l’altro». I lavori sono stati eseguiti con estrema rapidità e hanno comportato una spesa di circa 16mila euro, erogati dalle casse comunali.

Già qualche anno fa sul rettilineo era stato istituito il limite di velocità di 60 chilometri all’ora, ritenuto un buon compromesso tra il limite nei centri abitati di 50 chilometri orari, forse troppo restrittivo rispetto alla linearità della strada, e i limiti delle strade extraurbane. I lavori sono stati eseguiti con estrema rapidità e hanno comportato una spesa di circa 16.000 euro, erogati dalle casse comunali.

La sicurezza anche in altre vie

«Sempre in accordo con la Provincia, negli ultimi anni siamo intervenuti in diversi punti – prosegue Baglione – Ad esempio, recentemente abbiamo installato due passaggi simili a quelli di corso Valsesia anche in via Rovasenda e uno in corso Vercelli. Avevamo appurato che anche sulla salita verso San Bernardo si creavano problemi con l’eccessiva velocità dei veicoli, ma in quel caso ragioni di sicurezza hanno scoraggiato l’apposizione di un dosso. Pertanto in quel caso abbiamo scelto di installare i lampeggianti per indicare la velocità di marcia».

In foto uno dei tre nuovi dossi posati in corso Valsesia a Gattinara (foto Gianluca Colombo)

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

2 Commenti

  • silvio giubertoni ha detto:

    Gli attraversamenti pedonali rialzati inferiori a 10 metri di larghezza sono da considerarsi come dossi e possono essere installati soltanto su determinati tipi di strada, previa ordinanza motivata. I dossi possono essere installati soltanto su strade dei quartieri residenziali, nel cuore dei centri abitati, e sono assolutamente vietati “su strade che costituiscono itinerari preferenziali dei veicoli normalmente impiegati per i servizi di soccorso e di pronto intervento”. Lo dice l’art. 179 del regolamento di attuazione del Cds e lo chiarisce una circolare del 2001 del ministero dei Lavori pubblici».

  • Apperò ha detto:

    Ok hanno sprecato un po’ di denaro pubblico per costruire questi dossi (illegali) ora vediamo quanto tempo passerà prima che qualcuno li obblighi a toglierli. I dossi non sono la soluzione, non su quella strada. Ma l’amministrazione becera crede di essersi pulita la coscienza in questo modo. Togliete ‘sto schifo di dossi prima che qualcuno vi denunci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *