Seguici su

Attualità

La Natività recitata dai bambini: in scena al Sacro Cuore di Romagnano

Pubblicato

il

Al Sacro Cuore va in scena la venuta di Gesù: gli studenti hanno interpretato la Natività. Non solo recitazione allo spettacolo di fine anno della scuola, accompagnato da canti in inglese.

La Natività in scena al Sacro Cuore di Romagnano

Gli allievi dell’Istituto Sacro Cuore di Romagnano hanno celebrato il Natale offrendo alle proprie famiglie il tradizionale momento di festa, con una recita incentrata sulla nascita di Gesù. «È stata una bella manifestazione – racconta il dirigente scolastico Paolo Usellini – in cui abbiamo vissuto il Natale secondo l’interpretazione che ciascuna classe ne ha dato, negli spettacoli preparati con le insegnanti. C’è stato chi ha recitato una poesia, chi ha preferito cimentarsi nel canto, chi ha messo in scena la Natività. Vi è poi stata l’esibizione in alcuni canti in inglese, che è un po’ il punto forte del nostro istituto, mentre il coro della scuola ha eseguito altri canti. La festa si è svolta nel più caloroso clima natalizio, che ha coinvolto tutti in un evento pieno di gioia e serenità».

Al termine delle esibizioni dei bambini si è svolta l’estrazione dei biglietti di una sottoscrizione a premi, indetta per aiutare la scuola. «Ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato a raccogliere i numerosi premi e per i tanti biglietti che sono stati distribuiti – prosegue Usellini -. Dopo i due anni di blocco totale delle attività, è stato un aiuto utilissimo per la scuola e anche l’atmosfera dimostrava la voglia di ritrovarsi dopo la pandemia».

La giornata si è conclusa con un momento conviviale, con panettone e pandoro per tutti. Infine, venerdì scorso, don Antonio Oldani ha celebrato la messa nella cappella con i bambini di tutte le classi.

Alcuni momenti della recita di Natale con gli studenti dell’istituto Sacro Cuore di Romagnano (fotoservizio Sandro Mori)

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *