Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Malori a Scopa, “assolto” l’acquedotto. Il mistero si infittisce
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Malori a Scopa, “assolto” l’acquedotto. Il mistero si infittisce

Il servizio di Igiene esclude la presenza di batteri, salmonella o altri agenti nell’acqua. E comunica al sindaco che può revocare l’ordinanza di divieto.

Malori a Scopa, “assolto” l’acquedotto. Il verdetto Asl non lascia dubbi: tutti i valori nella norma.

Malori a Scopa, “assolto” l’acquedotto

No, l’acquedotto non c’entra nulla. Non si capisce come mai nel fine settimana tra il 24 e il 25 luglio una quarantina di persone a Scopa si siano sentite male, con tanto di vomito e diarrea. Ma non è per l’acqua erogata dai rubinetti allacciati agli impianti del Cordar. Lo confermano le analisi del servizio Igiene dell’Asl di Vercelli, chiamato a esaminare la qualità del liquido erogato.

Gli accertamenti dell’Asl

I tecnici, si legge nella nota dell’Asl, hanno verificato sia la presenza di batteri (indice di fecalizzazione), sia l’efficienza dei trattamenti di potabilizzazione. Ebbene, gli esami «hanno confermato la rispondenza dei valori alla norma». Allo stesso modo «gli accertamenti condotti dal gestore hanno comprovato la rispondenza della qualità microbiologica erogata ai parametri di legge».

Insomma, l’acqua è a posto. Tant’è che si autorizza il sindaco Cesare Farina a revocare l’ordinanza in forza della quale si vietava l’uso potabile dell’acqua, salvo bollitura.

Rassicurazioni dal Cordar

«Questa cosa ha creato parecchio scompiglio, ma senza ragione – commenta Paolo Croso, presidente del Cordar -. Adesso che abbiamo anche le analisi in mano, voglio rassicurare la popolazione di Scopa, ma anche quella di tutti gli altri centri collegati ai nostri impianti, che la situazione è sempre tenuta sotto stretto controllo. Del resto, le normative sulla gestione dell’acqua potabile sono molto severe, e quindi qualunque gestore deve fare una serie di controlli costanti e capillari sulla propria rete».

Esclusa dunque l’acqua, in paese resta da stabilire che cosa abbia potuto provocare malori avvertiti da decine di persone, alcune delle quali avevano anche preferito farsi vedere al pronto soccorso per stare tranquilli. In realtà, alla fine, fortunatamente nessuno ha avuto particolari conseguenze.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *