Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Manca personale per il 118: allarme anche a Gattinara
Attualità Gattinara e Vercellese -

Manca personale per il 118: allarme anche a Gattinara

Per l’estate alcune postazioni del 118 avranno il solo infermiere professionale a bordo, ma non ci sarà alcuna sospensione.

Manca personale per il 118. A Gattinara servizio rimodulato, ma garantito.

Manca personale per coprire i turni del 118

In consiglio regionale Domenico Rossi (Pd) ha sollevato la questione della copertura dei turni estivi del personale del 118. Ecco la risposta di Luigi Icardi, assessore regionale alla sanità. «Per i mesi di luglio e agosto, alcune postazioni del 118 saranno convertite da Msa (mezzo di soccorso avanzato con medico e infermiere) a Msab (mezzo di soccorso avanzato di base con infermiere) ovvero, il mezzo si avvarrà della presenza del solo infermiere professionale.  Nessuna sospensione, ma una rimodulazione del servizio».

«È importante precisare – continua l’assessore – che i mezzi Msab garantiscono a tutti gli effetti una risposta equiparabile ai mezzi di soccorso avanzato e che possono essere comunque supportati da auto mediche con il medico a bordo. Sarà infine garantito un costante monitoraggio sull’attività da parte delle centrali operative 118 sull’attività dei mezzi di soccorso».

Il problema anche a Gattinara

«La Regione deve attuare soluzioni in tempi rapidi per scongiurare la carenza di personale medico – ha dichiarato il consigliere del Pd Rossi –. La mia interrogazione nasce dopo essere stato messo a conoscenza del depotenziamento del servizio di 118 per le sedi di Gattinara e Omegna, che nei mesi estivi perderanno il medico a bordo. Situazioni analoghe anche altre zone del Piemonte influiranno anche sugli accessi ai Dea del territorio».

«L’emergenza Covid – conclude il consigliere – ha fatto esplodere ulteriormente la situazione, che va affrontata come priorità assoluta. Da due anni, inascoltati, avanziamo due proposte: finanziare un numero maggiore di borse di studio per specializzandi, privilegiando le discipline nelle quali è più difficile reclutare personale, e realizzare un piano straordinario di assunzioni. È l’unico modo per evitare di finire sempre in emergenza».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *