Seguici su

Attualità

Monte Rosa SkyMarathon, nuovo record: Alagna-Margherita-Alagna in 4 ore e 29 minuti

Vittoria e primato per Tadei Pivk e William Boffelli. Tra le donne successo per Elisabetta Negra e Giulia Zano.

Pubblicato

il

Monte Rosa SkyMarathon, nuovo record: Alagna-Margherita-Alagna in 4 ore e 29 minuti. Vittoria e primato per Tadei Pivk e William Boffelli. Tra le donne successo per Elisabetta Negra e Giulia Zano.

Monte Rosa SkyMarathon: vittoria e record per Tadei Pivk e William Boffelli

Nuovo primato alla Monte Rosa SkyMarathon: nella mattinata di ieri, sabato 17 giugno, Tadei Pivk e William Boffelli hanno dominato la gara facendo segnare anche il nuovo record in 4 ore 29 minuti e 20 secondi. Il record precedente (4 ore 39 minuti e 59 secondi) era dello stesso Boffelli con Franco Collé, stabilito nel 2018.

Come è noto, il percorso ricalcava il tracciato originale compiuto per la prima volta nel 1993 da Alagna Valsesia (1192 metri) alla stazione Indren (3260 metri), per poi proseguire verso il Rifugio Gnifetti (3647 metri), Colle del Lys (4250 metri), fino alla Capanna Margherita (4554 metri), con ritorno per lo stesso itinerario.

Una gara unica, storica, in vero stile skyrunning, attraverso morene, nevai e ghiacciai per 35 chilometri e con un dislivello positivo di 3.500 metri.

I primi posti del podio

La coppia vincitrice ha preceduto Daniel Antonioli e Aurélien Dunand-Pallaz, secondi in 4h36’26”, e gli “enfants du pays”, Daniel Thedy con Roberto Perolini, in 5h22’14”.

Al femminile vincono Elisabetta Negra e Giulia Zanovello in 6h42’33”, davanti alle tedesche Anna Michel e Tanja Löwenhagen  (6h56’16”) e Olivia Debatty con Jeremy Mellie (8h39’56”). Lontanissmo in questo caso il record fatto registrare sempre nel 2018 dall’americana Hillary Gerardi e Holly Page dalla Gran Bretagna in 5h51’32”.

Per William Boffelli è la quarta vittoria

William Boffelli è il primo uomo ad aver vinto quattro volte questa corsa con partner diversi. Come riporta il sito ufficiale della Monte Rosa SkyMarathon, Sul suo poker di vittorie Boffelli ha commentato: «Devo ringraziare i vari partner che ho avuto negli anni perché più della metà del merito è loro. Devo ringraziare anche Franco Collé che doveva correre con Tadei, ma non era in forma e che ci ha consigliato di farla insieme. Oggi Tadei è andato fortissimo e ha continuato a spingere in discesa per cercare di battere il record. Quello di Meraldi è ancora lì, ma abbiamo battuto il precedente».

«Questa gara è davvero speciale per me: un’esperienza unica oggi con tonnellate di sostenitori sul percorso che ci hanno incoraggiato lungo il percorso. Mi sono quasi sentito come Mosè» ha aggiunto.

 

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *