Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Morto per Covid don Giuseppe Pastore: fu parroco ad Ara di Grignasco
Attualità Serravalle e Grignasco -

Morto per Covid don Giuseppe Pastore: fu parroco ad Ara di Grignasco

Aveva soltanto 68 anni. «Di lui ricordiamo la mitezza e la riservatezza. Ha offerto un generoso e umile ministero».

Morto per Covid

Morto per Covid a soli 68 anni: si è spento don Giuseppe Pastore.

Morto per Covid don Giuseppe

Aveva iniziato la sua missione a Grignasco e Ara: anche la Valsesia piange don Giuseppe. Attualmente era vicario parrocchiale a San Bartolomeo. Don Giuseppe Pastore è morto martedì a 68 anni colpito dal Covid. I funerali sono stati celebrati nella chiesa di San Marco di Borgomanero, sua comunità parrocchiale di origine. Dopo l’iniziale esperienza lavorativa era entrato in seminario ed è poi stato ordinato prete il 21 giugno 1980. Ha iniziato a svolgere il ministero come vicario parrocchiale di Grignasco e parroco di Ara nel luglio 1980.

Il servizio

Nell’ottobre del 1982 è stato trasferito a Omegna, dove è rimasto come vicario parrocchiale fino al 23 ottobre 1988. Era stato poi parroco di Sovazza e Coiromonte, dall’ottobre 1988 al primo marzo del 2000; collaboratore parrocchiale a Nonio dal marzo 2000 al dicembre 2011; di nuovo collaboratore parrocchiale a Omegna, dal gennaio al novembre 2012. Dal primo dicembre 2012 era vicario parrocchiale a Borgomanero. Le problematiche della salute nel corso degli anni lo hanno costretto a un ridimensionamento della responsabilità e dell’impegno pastorale.

“Mite e riservato”

La sua ultima messa risale a fine gennaio, aveva iniziato ad avere forte tosse e febbre tanto da richiedere il ricovero in ospedale. Dopo un mese di lotta contro il virus il suo fisico non ha retto.
«Di don Giuseppe – interviene don Gianluigi Cerutti – ricordiamo la mitezza e la riservatezza. Ha offerto un generoso e umile ministero, talora nel nascondimento. Affidiamo questo nostro confratello a Gesù buon pastore perché lo abbia con sé nei pascoli della vita eterna e nella pienezza della vita».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *