Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Mosso chiusa dopo trent’anni la macelleria Ventura
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Mosso chiusa dopo trent’anni la macelleria Ventura

Saracinesca abbassata dal 31 dicembre nello storico punto vendita lungo via Quintino Sella.

Mosso chiusa dopo trent’anni la macelleria di Pietro Ventura. Ci sono stati anche alcuni tentativi per vendere il negozio, ma per il momento nulla di concreto.

Mosso chiusa dopo trent’anni la macelleria

Dopo trent’anni di attività ha chiuso la “Bottega della carne”, storica macelleria di Mosso lungo via Quintino Sella, in centro paese. Piero Ventura e la moglie Gelsomina Cuccato hanno deciso di fermarsi. La coppia ha superato da qualche anno l’età della pensione e ha deciso di chiudere a fine 2019. «Abbiamo deciso che era il momento – racconta la moglie che è sempre stata coadiuvante e preziosa collaboratrice nel negozio -. Mio marito ha 67 anni ed era giusto fermarsi».

Il futuro del negozio

Ci sono stati anche alcuni tentativi per cercare di dare un futuro al negozio. «Abbiamo avuto quattro interessamenti – riprende – ma nessuno è andato a buon fine. L’attività di macellaio è particolare, uno deve sentirsela. L’impegno poi non manca dietro al bancone».  Piero Ventura il macellaio l’ha fatto sin da ragazzo: alle spalle ha 52 anni di attività. Appena terminata la terza media si era messo a lavorare proprio come macellaio prima di decidere di aprire l’attività 30 anni fa. «Sono stati anni importanti – riprende la moglie -. Non possiamo che ringraziare tutta la clientela che ci ha seguito in questo lungo periodo. Si sono create anche dinamiche interessanti, il negozio era diventato anche un luogo di confronto».

La reazione in paese

La chiusura della macelleria ha creato un po’ di disorientamento in paese. «Dispiace anche a noi – conclude Cuccato -, ma ormai iniziamo ad avere una certa età, inoltre se non prendevamo adesso questa decisione non ci saremmo più fermati. Mio marito avrebbe anche continuato, ma era giusto così. La speranza comunque è che qualcuno decida di riaprire il negozio anche perché abbiamo lavorato fino all’ultimo giorno di apertura».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente