Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Nuovo Dpcm cancella la seconda rata dell’Imu | VIDEO DELLA CONFERENZA
Attualità Fuori zona -

Nuovo Dpcm cancella la seconda rata dell’Imu | VIDEO DELLA CONFERENZA

Durante la conferenza il presidente del Consiglio ha anche confermato la cassa integrazione e altre misure economiche a sostegno della popolazione.

firmato decreto

Nuovo Dpcm cancella la seconda rata dell’Imu. Annunciate anche nuove misure economiche.

Nuovo Dpcm cancella la seconda rata dell’Imu

Come ha annunciato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il nuovo Dpcm entrerà in vigore a mezzanotte di stasera, domenica 25 ottobre, e avrà validità fino al 24 novembre. Nel corso dell’ultima conferenza stampa ha annunciato anche nuove misure di sostegno economico a ristoro delle attività che dovranno chiudere o subire limitazioni.
Guarda la conferenza di oggi pomeriggio, domenica 25 ottobre. 

Nuove misure economiche

Il presidente ha inoltre spiegato che sarà cancellata la seconda rata Imu (dovuta entro il 16 dicembre) e che arriveranno nuovi contributi a fondo perduto per le attività economiche. Ci sarà un credito d’imposta per gli affitti commerciali per i mesi di ottobre e novembre.

Confermata la cassa integrazione

Confermata la cassa integrazione e una nuova indennità mensile per gli stagionali di turismo, spettacolo, lavori intermittenti dello sport. In arrivo anche una nuova mensilità del reddito di emergenza e misure di sostegno per la filiera agro-alimentare. Conte ha anche garantito ristori immediati per chi sarà costretto a sospendere la propria attività.

Vaccino in arrivo a dicembre?

Il premier Conte ha anche annunciato che sarebbero in arrivo, secondo dei contratti stipulati con l’Unione Europea, le prime dosi del vaccino, che saranno distribuite alle fasce più deboli ed esposte della popolazione.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente