Seguici su

Attualità

Ospedale di Novara, bilancio in rosso

Pubblicato

il

anziano muore

L’Agenas, l’Agenzia per i servizi sanitari regionali del Ministero della salute, ha esaminato, su mandato della Lorenzin, i bilanci degli ospedali di 14 regioni.

Ne è emerso un quadro tutt’altro che confortante: sprechi per almeno un miliardo da attribuirsi a spese per lavanderia, riscaldamento, mensa. Numeri che raddoppiano, talvolta triplicano, da un ospedale all’altro. Personale assunto senza raziocinio, soprattuto amministrativi, che ha saturato le piante organiche privando molte strutture di infermieri e medici. Tra i 29 grandi ospedali italiani ad avere i bilanci in rosso 4 sono concentrati in Piemonte: fra questi anche Novara.  

Se la situazione non verrà corretta a rischiare sarà il direttore generale in prima persona, Mario Minola.  La legge di stabilità appena approvata prevede infatti che i direttori generali degli ospedali in rosso presentino un piano di rientro triennale, che spetterà poi ai ministeri della Salute e dell’Economia, oltre che alla Agenas, monitorare. Se non lo faranno decadranno. Idem se dopo tre anni il bilancio non tornerà in pareggio.