Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Per il Covid in Valsesia visite per il diabete rinviate anche di un anno
Attualità Borgosesia e dintorni -

Per il Covid in Valsesia visite per il diabete rinviate anche di un anno

Durante l’incontro tra Asl e amministratori è venuto fuori il problema del continuo rinvio delle visite per le malattie croniche.

Per il Covid in Valsesia visite per il diabete e per i tumori rinviate anche di un anno.

Per il Covid in Valsesia visite per il diabete rinviate

«Le visite oncologiche e diabetologiche vanno riprese al più presto senza ulteriori ritardi». È una delle richieste che nella conferenza dei sindaci del Asl Vercelli sono state portate all’attenzione della stessa Azienda sanitaria. Da ormai un anno infatti, con l’arrivo dell’emergenza Covid la macchina delle visite si è fermata o comunque procede con grande lentezza.

Tant’è che i malati di diabete si sono visti posticipare anche di un intero anno le visite di controllo. Ma ritardi importanti vengono lamentati anche per i malati oncologici che necessitano di cure. Insomma, d’accordo sul Covid, ma ci sono anche tante altre patologie che non possono essere trascurate.

I sindaci: «Ora basta»

«Abbiamo chiesto che venga sbloccata la situazione – conferma il sindaco di Quarona Francesco Pietrasanta, che è anche portavoce dei sindaci valsesiani nell’Asl -. Le visite di controllo per diabetici sono state rinviate di un anno, con tutte le conseguenze facilmente immaginabili e i disagi dei malati».

Inerzia terapeutica

L’Asl si è presa l’impegno di arrivare a una soluzione: «Ci è stato risposto che a causa del Covid il sistema ha subito un rallentamento, ma abbiamo insistito che si torni il prima possibile alla normalità senza ulteriori indugi».

LEGGI ANCHE: Ospedale Borgosesia ripartono esami e interventi sospesi per il Covid

Si chiama “inerzia clinica” o “inerzia terapeutica” ed è il ritardo con cui ogni paziente con diabete mellito ha accesso alla cura migliore per il proprio specifico caso. Riguarda non solo il momento della diagnosi e della prima terapia, ma anche l’individuazione della cura più appropriata quando il trattamento in atto risulti non più efficace. Una “rincorsa”, insomma, che fa perdere tempo prezioso. E mentre la terapia “non funziona”, la malattia progredisce in silenzio, sviluppando le complicanze.

Maggiori rischi se contratto il Covid

Tra l’altro, pare che i diabetici abbiano più probabilità di contrarre il Covid nella forma più grave, al punto da richiedere un ricovero. In particolare, uno studio del Vanderbilt University Medical Center rileva che le persone con diabete di tipo 1 e 2, infettate da Covid-19, hanno una probabilità tre volte maggiore di contrarre una malattia grave.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *