Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Popillia Japonica: i cittadini devono essere informati | LA LETTERA
Attualità Novarese -

Popillia Japonica: i cittadini devono essere informati | LA LETTERA

«Il coleottero devasta orti e frutteti: e nessuno pensa ai piccoli coltivatori».

grignasco allarme

Popillia Japonica: da un lettore di Prato Sesia, riceviamo e pubblichiamo.

Popillia Japonica: i cittadini devono essere informati

«Dieci giorni fa tornando da un periodo di vacanza vidi con disappunto e preoccupazione il mio orto e frutteto completamente invaso da questo coleottero, presente in special modo sulla vite; aveva lasciato solo lo scheletro secco di molte foglie sulle piante di susino, pesche, ciliegie, albicocco e altri tipi di frutta. Un completo disastro per me sconosciuto fino a quel momento. Poi, informandomi maggiormente, vengo a capire che il problema è sorto inizialmente in Italia cinque anni fa nella zona del Parco del Ticino. Vengo inoltre a sapere che alcune Regioni hanno già da tempo predisposto delle leggi che obbligano gli agricoltori e produttori all’attività di contenimento di tale grave problema. Interventi peraltro già resi obbligatori a suo tempo per altre problematiche come la Flavescenza Dorata della vite.

Un caso sottovalutato

«Tuttavia il problema è molto più serio di quanto prospettato nell’articolo ricordato in precedenza, proprio perché si è in presenza di una invasione massiccia di coleotteri che solo nel mio frutteto posso quantificare in migliaia di esemplari. Bastava scuotere la vite o i rami degli alberi che ne volavano a centinaia e quasi tutte in azione di riproduzione. Mi risulta che le trappole servano solo per il controllo di propagazione ma a nulla valgano per dare un freno alla calamità. Si sta studiando anche l’inserimento di altri insetti in grado di bloccare la riproduzione, ma nel frattempo come si fermano? Non serve a nulla – come afferma il signor Enrico Covolo – prendere il coleottero e schiacciarlo in modo violento lasciandolo morto al sole. Questa è solo disinformazione, impossibile da applicare».

Maggiore informazione

«Ma quello che mi preme sottolineare è la totale mancanza di informazione su questo grave problema. E’ vero che le direttive regionali lo prevedono da tempo, ma tali direttive erano a conoscenza dei soli produttori e coltivatori, e non della stragrande maggioranza di cittadini che possiedono piccoli orti e frutteti. Costoro, me compreso, nulla sapevano finora della Popillia Japonica. Forse gli organi preposti hanno sempre creduto che il coleottero, o la Flavescenza Dorata colpisse solo alcune categorie produttive e non tutti. E qui a mio avviso entra in gioco anche l’informazione giornalistica che entra più direttamente nelle case della gente comune. E qui entrano in gioco soprattutto le amministrazioni comunali che devono farsi carico anche di questi problemi e trasmetterli, perché sono problemi che vanno oltre alla normale amministrazione».
Claudio Sagliaschi

Un Commento

  • Moreno ha detto:

    Il problema è gravissimo e sottovalutato e da diversi mesi che noto questo insetto devastante che distrugge tutte le piante, e oramai si è divulgato in vaste aree provate andare giù nelle rive del Sesia e nelle relative sponde stanno mangiando e distruggendo tutte le piante, e quello che è peggio che si riproducono con una velocità pazzesca, chi ha la possibilità intervenga subito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente