Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Pray Marco Coarezza riceve Theresa May a Sirmione
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Pray Marco Coarezza riceve Theresa May a Sirmione

L’uomo ha 47 anni e vive a Verona, ma fino ai 18 era residente con la famiglia a Coggiola.

Pray Marco Coarezza è capo ricevimento al Villa Cortine Palace di Sirmione.

Pray Marco Coarezza riceve Theresa May a Sirmione

Già lo scorso anno aveva avuto modo di conoscere la ex premier britannica Theresa May. E anche quest’anno Marco Coarezza, originario della Valsessera, lavora come capo ricevimento al Villa Cortine Palace Hotel di Sirmione, un hotel cinque stelle di fama internazionale. Una struttura con un magnifico parco affacciato sul lago di Garda che in questi giorni sta ospitando per una settimana di vacanza la May in compagnia del marito Philip.

Il primo ministro ospite abituale

«E’ stato un grande onore – spiega Coarezza –: ho avuto modo di accogliere personalmente la ex premier, è una cliente abituale. Chiaramente, quando si ospita un personaggio di fama come lei, ci sono intorno molte misure di sicurezza, soprattutto quando rivestiva il ruolo di primo ministro. L’hotel ha ospitato anche altre persone conosciute sia nel mondo della finanza, della politica, dello sport. Quando sono alloggiate in hotel vogliono la loro privacy, la loro vacanza in tranquillità, lontano dai riflettori».

Una carriera motivata dalla passione

Coarezza ha 47 anni e fino a 18 ha vissuto con la famiglia a Coggiola. Poi i genitori Rosangela e Gianni (che è stato presidente della Pro loco) si sono poi trasferiti a Pray, dove vivono ancor oggi. «Ho studiato all’alberghiero di Varallo – continua Coarezza – scegliendo il settore segreteria e amministrazione per tre anni poi ho proseguito a Mosso come operatore turistico. Queste sono state le basi poi, dopo il servizio militare, ho iniziato a girare per il mondo. Tra le mie tappe ci sono state Parigi, la Costa Smeralda, Trento, Siena, Milano, Verona per poi arrivare a Sirmione, che è la mia attuale occupazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente