Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Pronto soccorso, precedenza ai tamponi molecolari
Attualità Borgosesia e dintorni -

Pronto soccorso, precedenza ai tamponi molecolari

Le nuove linee guida per il Piemonte prevedono anche approfonditi controlli pre-triage per valutare le probabilità di infezione.

pronto soccorso

Pronto soccorso in Piemonte: le nuove regole per l’accesso prevedono la precedenza ai tamponi di tipo molecolare.

Pronto soccorso piemontesi, le regole

Controlli più stringenti nei reparti di pronto soccorso piemontesi per evitare la formazione di focolai di Covid19. Li annuncia la Regione. In particolare, sarà data la precedenza all’uso di tamponi di tipo molecolare.

I test antigenici

L’uso di test rapidi antigenici sarà permesso solo per i dispositivi di terza generazione e in tre specifiche condizioni. Deve essere eseguito entro cinque giorni dall’insorgenza dei sintomi, la struttura deve essere impossibilitata a eseguire i molecolari e il reparto si deve trovare in una situazione di sovraccarico di lavoro.

Pre-triage

Le nuove linee guida si concentrano anche su un approfondito pre-triage volto a individuare potenziali positivi. Verranno valutati diversi elementi come ambiente di vita e di lavoro, eventuali esposizioni e sintomi, con cui stabilire se il soggetto abbia una bassa o alta probabilità di avere contratto la malattia. In caso di bassa probabilità e breve permanenza al pronto soccorso, il tampone non verrà eseguito, mentre per lunghe permanenze, ricoveri o alta probabilità si farà.

Valutazione del rischio

«La pandemia ha generato una grande pressione sulle strutture di emergenza – rileva l’assessore alla Sanità Luigi Icardi –  Questo ha reso sempre più cogente una corretta valutazione del rischio per ogni paziente che accede in Pronto soccorso, per cercare di evitare il più possibile che il virus possa diffondersi in ambiente ospedaliero».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *