Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Rudere da demolire fa impazzire il Comune di Cravagliana
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Rudere da demolire fa impazzire il Comune di Cravagliana

Sono oltre dieci i proprietari dell'antica baita, ormai pressoché distrutta.

rudere da demolire

Rudere da demolire a Cravagliana: i proprietari sono più di dieci.

Rudere da demolire

Lavori da fare: ci dovranno pensare almeno in dieci. Una vecchia baita vicina all’alpe Massaroli di Cravagliana abbandonata da anni va demolita o almeno messa in sicurezza. Dovranno pensarci gli oltre dieci proprietari e i loro eredi. Lo stabile si trova accanto al sentiero e rappresenta un pericolo per gli escursionisti. L’edificio è ormai abbandonato da tempo. L’elenco dei proprietari verso cui è stata emessa l’ordinanza di demolizione da parte del Comune è sterminato: oltre a 5 proprietari originari il documento contempla gli eredi di 6 titolari della struttura ormai deceduti. Tutti residenti tra Milano e la Svizzera. Un lavoro burocratico enorme per il Comune, che deve recapitare ai vari proprietari l’ordinanza. Poi bisognerà attendere una risposta e in caso contrario sarà il Comune a decidere demolendo la struttura caricando i costi sugli effettivi proprietari.

Le condizioni dello stabile

L’area risulta in pessimo stato di manutenzione, come è stato rilevato anche da un sopralluogo. La segnalazione era partita dalla ditta che stava eseguendo i lavori di manutenzione del sentiero tra i comuni di Rossa, Cervatto e Cravagliana. All’interno dei due locali non c’è più nulla, quella che era una balconata sta cedendo con i pilastri ormai fuori sede. Parte del tetto è crollata, così come una porzione di edificio. E la situazione potrebbe peggiorare con l’inverno e le nevicate. Il peso della neve potrebbe provocare danni ancora più seri. L’area è ormai abbandonata, in passato veniva utilizzata dai proprietari e qualche allevatore della zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente