Seguici su

Attualità

Serravalle, già arrivati 2mila euro per salvare San Martino

Pubblicato

il

La raccolta a favore dei lavori per la chiesa prosegue

La popolazione si mobilita per la chiesa di San Martino di Serravalle: finora sono stati raccolti circa duemila euro. Da qualche settimana si è messa in moto una  raccolta fondi per le opere di manutenzione straordinaria che riguarderanno l’edificio religioso presente nel cimitero del paese. La risposta da parte dei parrocchiani non si è fatta attendere. «Abbiamo ricevuto finora circa duemila euro – spiega don Ambrogio Asei Dantoni – Per chiarezza riporteremo comunque tutti i dettagli nel prossimo foglietto parrocchiale».

E per ora il parroco si dice soddisfatto del traguardo raggiunto. «Considerando il periodo di crisi economica in cui stiamo vivendo, e tenendo presente che sono passate poche settimane dalla serata di presentazione del progetto, la somma che abbiamo raccolto fino adesso rappresenta un ottimo punto di partenza – sottolinea Don Asei Dantoni – Ringraziamo tutti coloro che finora hanno voluto donare un contributo».  

A breve verrà anche aperto un conto corrente specifico su cui versare fondi destinati proprio ai lavori alla chiesa. «La raccolta continua. Abbiamo pensato di aprire anche un conto dedicato proprio alla chiesa di San Martino – prosegue il parroco –  in maniera tale che chi versa un’offerta possa ottenere un’apposita ricevuta. Nei prossimi giorni avvieremo le pratiche necessarie per avere questo deposito e a breve, oltre a consegnare i fondi in parrocchia, si avrà anche la possibilità di versare direttamente in banca il proprio contributo.  Inoltre di pari passo con l’apertura di questo conto verrà anche attivato un sito internet che verrà aggiornato periodicamente mostrando l’avanzamento della raccolta fondi».

Per la conservazione e la manutenzione straordinaria della chiesa presente nel cimitero, a poca distanza dal santuario di Sant’Euseo, sono necessari 78mila euro, la fondazione Crt offrirà un contributo di 20mila euro ma servono comunque altri fondi per riuscire a coprire le spese.