Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Serravalle mette al lavoro chi prende il reddito di cittadinanza
Attualità Serravalle e Grignasco -

Serravalle mette al lavoro chi prende il reddito di cittadinanza

Comunità, inclusione e lavoro: questi sono i fili conduttori dei nuovi progetti che il Comune insieme al Consorzio Casa ha intenzione di portare avanti.

Serravalle mette al lavoro chi prende il reddito di cittadinanza. Avviati dei nuovi progetti con il Consorzio Casa.

Serravalle mette al lavoro chi prende il reddito di cittadinanza

Comunità, inclusione e lavoro: questi sono i fili conduttori dei nuovi progetti che coinvolgeranno chi percepisce il reddito di cittadinanza. L’iniziativa verrà avviata dal Comune di Serravalle insieme al Consorzio Casa. Il sindaco Massimo Basso ha presentato ufficialmente l’idea lo scorso lunedì pomeriggio, 15 febbraio. Insieme a lui l’assessore Marilena Carmagnola, alcuni referenti del Centro per l’Impiego e del Casa, tra cui il direttore, Andrea Lux.

Progetti utili alla collettività

In sostanza tutti coloro che sono disoccupati e percepiscono il reddito di cittadinanza potranno essere coinvolti nei Puc, ovvero Progetti utili alla collettività, nel loro comune di residenza. I programmi di lavoro saranno individuati a partire dai bisogni e dalle necessità della comunità e saranno a supporto e integrazione delle attività ordinarie.

Tre enti coinvolti

I programmi comunque terranno conto delle competenze professionali dei disoccupati. L’organizzazione vedrà coinvolti tre interlocutori: il Comune che si occuperà di coordinamento e monitoraggio delle iniziative e il Consorzio Casa che avrà un ruolo fondamentale nell’individuazione dei soggetti beneficiari. Il tutto vedrà protagonista anche il Centro per l’impiego con il quale i due enti coinvolti dialogheranno in modo tale che il catalogo dei Puc sia a loro disposizione.

Progetti a tutela dei beni ocmuni

Il primo Comune che ha deciso di aderire a questo programma è quindi Serravalle e da qui partirà un progetto inerente i beni comuni. «Prevediamo dunque l’attuazione di lavori di riqualificazione dei parchi e delle aree verdi – ha evidenziato Vietti Carmagnola –, quindi pulizia e cura delle piccole zone e parchi gioco in cui è necessaria la manutenzione. La durata del progetto sarà di un anno e speriamo che  si riesca a partire entro questa primavera».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Un Commento

  • Cornelio Siro Gaudenzio ha detto:

    plaudo all’iniziativa che riterrei UTILE dare ilk giusto risalto mediatico e, di concerto, alle Autorità Provinciali,Regionali, al fine di ottimizzare le “forze” a disposizione –
    Bravi

    viva cordialità
    Cornelio Siro Gaudenzio Carmagnola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *